covid casertano

Sono oltre 225mila (225452) le dosi di vaccino anti-Covid somministrate nel Casertano

______________________________

Covid: oltre 225mila dosi di vaccino fatte nel Casertano

Sono oltre 225mila (225452) le dosi di vaccino anti-Covid somministrate nel Casertano, un dato elevato nonostante negli ultimi giorni vi siano state molte rinunce ad Astrazeneca, con punte elevate anche del 50% toccate la scorsa settimana “complice – fanno sapere dall’Asl di Caserta – di un’informazione non corretta fornita ai cittadini”.

Ma ora il numero di chi rifiuta il vaccino anglo-svedese e’ calato, e cosi’ la campagna ha ripreso quota. Al momento hanno ricevuto la prima dose 164596 persone, mentre la seconda dose che garantisce l’immunizzazione, e’ stata somministrata a 60856 cittadini. Tra le categorie, sono stati 32791 gli over 80 che hanno ricevuto il vaccino, 29029 quelli che lavorano nella scuola e 6708 gli appartenenti alle forze dell’ordine.

Sono stati segnalati anche disagi per tanti utenti, soprattutto anziani, rimasti in coda fuori ai centri vaccinali, spesso al vento e al freddo, soprattutto ad Aversa e a Piedimonte Matese; su questo punto il direttore sanitario dell’Asl di Caserta Marco De Fazio e’ molto chiaro, e ribadisce che “le convocazioni vengono fatte tenendo conto di un orario ben preciso di presentazione, ma soprattutto gli anziani accompagnati, arrivano molte ore prima, intasando i centri. Chiediamo loro di rispettare gli orari in cui sono stati convocati. Solo cosi’ non ci saranno piu’ disagi”.

LEGGI ANCHE  Convenzione firmata per la riqualificazione dei gradini del Suor Orsola Benincasa

Sul fronte dell’occupazione dei posti letto dedicati al Covid, “la situazione e’ sotto controllo – dice De Fazio – con una decina di posti liberi in terapia intensiva al Covid Hospital di Maddaloni e altri per degenti meno gravi al Melorio di Santa Maria Capua Vetere. Stiamo puntando molto sull’assistenza domiciliare, per cui i malati arrivano in ospedale solo quando le condizioni iniziano ad essere preoccupanti”.


Di Chiara Carlino



Ti potrebbe interessare..