San Giorgio, 16 positivi al Covid nella paritaria Regina dei Gigli

San Giorgio a Cremano paura nella scuola primaria e di infanzia Regina dei Gigli. Sono ben 16 infatti i casi di positività al Covid-19 registrati tra docenti e piccoli alunni dell’istituto religioso ove risiede una scuola paritaria primaria e d’infanzia. Tutti risultano già in quarantena e l’istituto chiuso in via precauzionale. A renderlo noto è […]

google news

San Giorgio a Cremano paura nella scuola primaria e di infanzia Regina dei Gigli. Sono ben 16 infatti i casi di positività al Covid-19 registrati tra docenti e piccoli alunni dell’istituto religioso ove risiede una scuola paritaria primaria e d’infanzia.

Tutti risultano già in quarantena e l’istituto chiuso in via precauzionale. A renderlo noto è lo stesso sindaco Giorgio Zinno dalla sua pagina Facebook che aggiunge in un lungo post: “Dopo la positività di una maestra e di un alunno, grazie alla tempestiva comunicazione da parte della Direzione scolastica, la Asl ha immediatamente avviato tutti i tracciamenti e disposto la quarantena per 3 classi della primaria e una dell’Infanzia. Sono stati sottoposti a tampone molecolare tutti i loro contatti stretti e ad oggi, la relazione inviatami dal Dipartimento di Prevenzione UOPC, riporta 16 casi di positività: 12 alunni appartenenti a 4 diverse classi, 3 docenti e un dipendente scolastico.”

Rassicurazioni da parte del Sindaco ai genitori tuttavia c’è una forte apprensione. Sono state messe in quarantena tre classi ed eseguiti i tamponi su alunni e docenti, tuttavia i genitori si domandano: “le suore chi le controlla?” L’istituto infatti essendo istituto religioso ha al proprio interno una folta presenza di suore e questo desta timore tra i genitori. Ancora vivo è il ricordo della notizia giunta pochi mesi fa di un grosso focolaio sempre a San Giorgio a Cremano, sempre in un istituto religioso e sempre nella stessa via. A ottobre 2020 infatti risultarono positive al Covid-19 ben 70 suore circa dell’istituto Suore di Carità, un istituto che dista circa cento metri dall’istituto Regina dei Gigli. Forte è dunque l’apprensione dei genitori e il timore che all’interno di questi istituti religiosi possano celarsi focolai ben più grandi e non adeguatamente attenzionati. I genitori chiedono dunque una verifica attenta della situazione nell’intera struttura e non solo nelle classi coinvolte.

Giorgio Kontovas

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Motorista navale morto per colpa dell’amianto: vedova risarcita

I ministeri di Difesa e Interno condannati a risarcire la vedova di Mario La Rocca, il motorista navale morto per colpa dell'amianto nel 2017

I sindacati: 1 ottobre confermato sciopero Ryanair e Vueling

Lo sciopero Ryanair e Vueling riguarderà gli aeroporti di Milano Malpensa, Pisa, Roma Ciampino e Napoli 

Elezioni 2022, Luigi Di Maio fuori dal Parlamento

Il ministro degli estri uscente perde il confronto nel seggio di Fuorigrotta con l'ex ministro dell'ambiente Sergio Costa

Napoli, pubblicata la gara per la riscossione delle tasse comunali

La gara del comune di Napoli scade il 29 novembre. Passaggio fondamentale del 'Patto'

IN PRIMO PIANO

Pubblicita