Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Napoli e Provincia

Poste Italiane, oltre 4 milioni i Buoni e i libretti a Napoli e provincia

Pubblicato

il

poste italiane,buoni e i libretti


Su tutto il territorio nazionale, il numero totale dei postali supera quota 50 milioni (dato aggiornato al 30 settembre 2020) e quello dei sfiora i 31 milioni. I fruttiferi e i postali dunque restano tra le forme di risparmio più amate dagli italiani. In pratica esiste un buono per ogni abitante e un italiano su due è titolare di un libretto di risparmio.

Anche i dati della provincia di al 30 settembre 2020 confermano questo trend. I postali in essere, infatti, sono circa 2 milioni e 889 mila, mentre i di risparmio arrivano a 2 milioni e 104 mila. In media, quindi, tutti gli abitanti della provincia hanno un libretto di risparmio e un cittadino su due possiede un buono postale.

L’importanza di avere a disposizione uno strumento di risparmio garantito, flessibile e redditizio è emersa in maniera ancor più significativa nei mesi dell’emergenza sanitaria, grazie alla possibilità di sottoscrivere postali e di aprire libretti di risparmio postale sul sito poste.it o tramite l’app BancoPosta.
Anche grazie alla digitalizzazione dell’offerta, si è confermata porto sicuro del risparmio, mettendo a disposizione degli italiani prodotti che permettono di investire anche piccole somme, con la protezione offerta dalla garanzia dello Stato, a fronte di una redditività.
E’ infatti possibile sottoscrivere i buoni fruttiferi postali, aprire un libretto smart e accantonare delle somme, direttamente dal sito www.poste.it oppure tramite l’appBancoPosta dal proprio smartphone o tablet, senza necessità di recarsi in ufficio postale.

ricorda che i buoni fruttiferi postali e libretti di risparmio sono garantiti dallo Stato Italiano e sono esenti da costi, salvo gli oneri fiscali; i buoni sono, inoltre, esenti da imposta di successione e soggetti ad una tassazione agevolata del 12,50% sugli interessi.

In occasione della presentazione dei risultati di bilancio del terzo trimestre del 2020 l’Amministratore Delegato di Matteo Del Fante ha ricordato come “Sin dall’inizio di questo anno difficile gli italiani abbiano confermato in maniera chiara la loro fiducia e fedeltà nei confronti di . La nostra solida base di clienti ci ha inoltre permesso di conseguire una raccolta netta retail record di 9,8 miliardi di euro nei primi nove mesi del 2020, contribuendo a raggiungere 556 miliardi di euro di attività finanziarie totali.
Le importanti lezioni apprese durante la prima ondata di pandemia da Covid-19 – ha proseguito Del Fante – che ci hanno permesso di affrontare con successo l’emergenza e adattare rapidamente ai principali trend, hanno ancora una volta dimostrato la resilienza del nostro business. Siamo più che mai preparati alla seconda ondata, confermando il nostro ruolo di operatore di sistema italiano

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

Violenza sulle donne: altri due arresti a Frattaminore e Pozzuoli

Pubblicato

il

violenza sulla donne

E’ costante l’impegno dei Carabinieri del Comando Provinciale di nel contrasto ai reati di violenza di genere. Ieri altri 2 uomini violenti arrestati, uno in flagranza di reato.

A Frattaminore i carabinieri della locale stazione hanno arrestato per maltrattamenti in famiglia, stalking e revenge porn un 43enne del posto. L’uomo già in passato – ma soprattutto il mese scorso – ha perseguitato la moglie con la quale era in fase di separazione. Minacce, violenze fisiche e verbali, pedinamenti, appostamenti, controlli, comunicazioni e molestie telefoniche erano ormai episodi all’ordine del giorno per la vittima.

Qualche giorno fa la donna era stata anche picchiata: 15 i giorni di prognosi. Il 43enne aveva diffuso sui social anche un video che ritraeva i 2 durante un momento di intimità. La vittima non sapeva di essere filmata e questo episodio l’ha messa con le spalle al muro. Non sapeva a chi rivolgersi e così ha chiesto aiuto ai Carabinieri. Ha avuto il coraggio di denunciare ed è andata in Caserma. Proprio in quei momenti il 43enne è entrato in casa e – non trovando la moglie – ha incominciato ad inveire nei confronti della sorella della consorte che era lì per accudire la loro figlia di 7 anni.

Pochi minuti e i Carabinieri sono arrivati. Bloccato, è stato arrestato.
Il 43enne è ora in carcere in attesa di giudizio.
Altro episodio di violenza, questa volta a Pozzuoli. I carabinieri della locale stazione hanno eseguito un provvedimento emesso dal Tribunale di su richiesta della locale Procura nei confronti di un 27enne. L’uomo è ritenuto responsabile dei reati di violenza sessuale, maltrattamenti in famiglia e lesioni personali nei confronti dell’ex fidanzata. La donna ha avuto la forza di denunciarlo e per lui sono scattate le manette.
Questi sono solo gli ultimi dei molti episodi di violenza di genere che hanno visto in prima linea i Carabinieri del Comando Provinciale di .
Basti pensare che nel periodo compreso da Gennaio 2020 ad oggi sono 971 circa le denunce raccolte per maltrattamenti in famiglia: 306 le persone arrestate, 653 quelle denunciate a piede libero e 159 i divieti di avvicinamento notificati.
700 sono le denunce raccolte per stalking con 144 persone arrestate, 390 quelle denunciate a piede libero e 166 i divieti di avvicinamento notificati.
Consapevoli della delicata tematica, gli uomini e le donne dell’Arma sono sempre vicini alle vittime e pronti a fornirle tutto l’aiuto e il supporto possibile grazie anche ai centri anti-violenza presenti sul territorio.

Continua a leggere

Napoli e Provincia

La Mura: “Per hub ferroviario di Pompei valutazione di impatto ambientale”

Pubblicato

il

la mura
Foto di repertorio

“Apprendo da organi di stampa che i tecnici della Rete Ferroviaria Italiana hanno svolto un incontro presso il Comune di Pompei per ridiscutere il progetto relativo all’Hub ferroviario. Un progetto che risulta tutt’oggi ancora altamente impattante, troppo cemento su un territorio già fragile”, così la senatrice pompeiana Virginia La Mura, capogruppo M5S in Commissione Ambiente.

“La Commissione VIA del Ministero, sulla base della check list presentata da RFI, ha richiesto di  avviare la procedura di Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) per quest’opera invasiva anche dal punto di vista paesaggistico. Ricordo che tale procedura di VIA consentirà ai cittadini di presentare osservazioni nel merito e grazie all’emendamento a mia prima firma approvato nel Decreto Semplificazioni i tempi per la consultazione pubblica, che erano stati dimezzati, sono ritornati ad essere più lunghi dando a tutti la possibilità di esprimere proprie valutazioni.

Quest’opera – continua la senatrice – è inserita nel Master Plan per il rilancio del distretto turistico e culturale che si intende realizzare intorno al sito Unesco di Pompei, Oplonti e Ercolano, e vede la realizzazione di opere ferroviarie per circa 400 milioni di euro per lo più incentrati sulla città di Pompei (l’HUB per un costo di circa 36 milioni di euro). Opere che vanno coordinate perché abbiamo la necessità di progetti che invoglino i turisti a rimanere il più possibile nel nostro territorio e non visitare solo i poli più famosi. In questi giorni abbiamo votato un ulteriore scostamento di bilancio per 9 miliardi di euro per far fronte alle esigenze della popolazione e dell’economia in questo terribile periodo. Sento oggi più che mai di lanciare un appello alle forze politiche di seppellire l’ascia di guerra e dialogare. Abbiamo oggi bisogno di sobrietà e le opere pubbliche devono essere utili, efficienti e sopratutto gestite senza spreco di soldi! Auspico che per lo sviluppo della “Buffer Zone di Pompei” si possa avviare un dialogo politico come ho già fatto per il Sarno”.

Continua a leggere

Le Notizie più lette