Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy



Ultime Notizie Oggi

de Magistris: ‘A Napoli la situazione sanitaria è allo stremo, servono interventi urgenti’

Pubblicato

il

de magistris,napoli


Coronavirus, de Magistris: la situazione sanitaria è allo stremo Evitare assolutamente segnali di debolezza e di scaricabarile.

“Nella mia città la situazione sanitaria è allo stremo, abbiamo file di auto e di ambulanze nei pressi degli ospedali, la situazione è molto seria, è drammatica”. Lo ha detto il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, intervenuto a Ogni mattina su Tv8, sottolineando la sua “estrema preoccupazione”. “Abbiamo una tensione sociale altrettanto seria e preoccupante – ha aggiunto – di fronte a uno scenario che ha a che fare con la tenuta democratica di un Paese credo che non abbiamo alternative al lavorare insieme.Bisogna evitare assolutamente segnali di debolezza e di scaricabarile”, ha spiegato il primo cittadino partenopeo. “Credo che dobbiamo andare immediatamente a misure progressivamente più rigide, che non significa necessariamente il lockdown di marzo e aprile, ma contestualmente bisogna immettere liquidità”. Così il sindaco di Napoli Luigi de Magistris, intervenuto a Ogni mattina su Tv8. L’ex pm ha rilanciato la proposta di “ripetere la misura che fu efficace a marzo e aprile, quando il governo diede ai Comuni liquidità che immediatamente arrivò nelle tasche delle persone che non hanno più denaro per vivere”. De Magistris ha poi aggiunto: “Su tutte le decisioni che si devono prendere, anche le più rigide, dev’esserci una mano che toglie e un’altra che mette. Se mettiamo restrizioni e mettiamo in crisi la tenuta sociale, economica e del lavoro, ci vuole una mano che immediatamente dia, in termini di soldi, economia e lavoro. E si deve trovare un equilibrio innanzitutto nelle parole perché in questo momento rischiano di essere detonatori. Circa 10 giorni fa il presidente della Regione Campania annunciò, per poi fare immediatamente marcia indietro e non sappiamo nemmeno per quale motivo, il lockdown regionale e quell’annuncio scatenò il putiferio”, ha concluso il sindaco.

 

 

Continua a leggere
Pubblicità

Calcio Napoli

Maradona: scontri con la polizia davanti al cimitero

Pubblicato

il

Maradona: scontri con la polizia davanti al cimitero

Maradona: scontri con la polizia davanti al cimitero.

Nuovi momenti di tensione tra polizia e sostenitori si sono registrati all’arrivo del carro funebre con il feretro di Diego Armando Maradona al cimitero privato ‘Jardin de Bella Vista’. Dopo l’arrivo del corteo, la folla giunta per rendere omaggio al campione ha iniziato ad avvicinarsi alle porte del cimitero, scontrandosi con le forze di sicurezza dispiegate sul posto. Dalla folla sono partite pietre in direzione degli agenti, che hanno risposto con l’uso di fucili con proiettili di gomma. Dopo l’incidente, sembra essere tornata la calma, con la polizia che presidia l’ingresso del cimitero. E’cosi poco prima delle ore 20 in Argentina è potuta avvenire la cerimonia religiosa di sepoltura di Diego Armando Maradona, nel cimitero di Bella Vista alla periferia di Buenos Aires. El Pibe riposa accanto ai resti dei suoi genitori. Davanti alla tomba, uno sparuto gruppo di famigliari e amici ha salutato Diego dopo la sepoltura con applausi, secondo quanto mostrano le immagini riprese con i droni e trasmesse dal canale TyC.

Decine di motociclette della polizia hanno scortato il mezzo che ha trasportato le spoglie di Diego Armando Maradona, insieme ad altri mezzi delle forze dell’ordine, mentre i suoi sostenitori si sono accostati con le auto ai margini della strada, arrampicati sulle barriere new jersey, affacciati dai cavalcavia, per accompagnare l’ultimo viaggio della stella del calcio argentino con striscioni, bandiere e canti, applausi.

“Sono immagini mai viste, è commovente”, ha commentato una giornalista del canale all news Tn. Al passaggio del corteo, alcuni tifosi sono corsi dietro il carro funebre, hanno applaudito e pianto, altri hanno cantato l’inno dell’Argentina in suo onore, altri ancora cercano di toccare il feretro e scattano fotografie. Una corona di fiori inviata da Pelé aspetta il feretro di Maradona al cimitero di Bella Vista. Secondo quanto garantiscono alcuni giornalisti di TyC Sports, pochi mesi fa il Pibe de oro avrebbe espresso la volontà di essere imbalsamato una volta morto.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Maradona ha lasciato una lettera: ‘Voglio essere imbalsamato’ 

 

Continua a leggere

Calcio Napoli

Gattuso: Maradona più importante di San Gennaro

Pubblicato

il

gattuso maradona

“Ho avuto la possibilita’ di parlare tante volte e di cenare con Maradona. Non morira’ mai, ha fatto tante cose straordinarie. Sicuramente ha sbagliato nella vita privata ma rimarra’ sempre li'”. Queste le parole di Gennaro Gattuso dopo il successo del Napoli sul Rijeka in Europa League a proposito della morte di Maradona, deceduto ieri all’eta’ di sessant’anni. “Gia’ da ieri sera si vedeva che la citta’ respirava un’aria diversa, e’ stata una grande perdita ma e’ una leggenda e non morira’ mai – ha proseguito a Sky Sport – L’orgoglio di questa citta’ e’ di aver visto il piu’ forte con la sua maglia e rappresentare bene la sua citta’, ha fatto sognare un popolo intero. Non so se sia piu’ importante Maradona o San Gennaro. Il mio rapporto con la citta’? Mi sembra di vivere in Brasile, qui 24 ore su 24 c’e’ sempre profumo di cibo e una temperatura incredibile, c’e’ una gioia incredibile: la gente mi assomiglia un po’, ho vissuto tanti anni al nord ma sono rimasto terrone dentro”, ha concluso Gattuso

Continua a leggere

Le Notizie più lette