Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy



Cultura

Di Noemi De Falco, Rogiosi Editore e Pegaso presentano 6 storie di fantasmi

Pubblicato

il

noemi de falco


“OMBRE. Leggende metropolitane” sei storie inedite scritte e dirette da Noemi De Falco, sui fantasmi che popolano i palazzi storici di . Interpretate dai più importanti speaker italiani.
Il progetto podcast in 8D prodotto da e Università Telematica Pegaso

 

 

Niente maschere, costumi e “dolcetto o scherzetto” quest’anno. L’emergenza Covid 19 ha cancellato dal calendario la festa di Halloween, americana di origine, ma, ormai da anni, celebrata anche in Italia. Agli amanti del mistero, e Università Telematica Pegaso offrono l’opportunità di uno straordinario viaggio virtuale con la serie inedita “OMBRE. Leggende metropolitane”, scritta e diretta da Noemi De Falco. Sei podcast in 8D caricati su Spotify. Sei storie che conducono gli avventori alla scoperta delle leggende urbane di , città millenaria avvolta da ombre di mistero e magia. Con le voci di sei speaker delle maggiori radio nazionali e di tre attori/doppiatori, ci si immergerà tra i rumorosi vicoli di Partenope e si entrerà nei suoi meravigliosi palazzi monumentali ricchi di segreti.

Le sei storie inedite

MURATA VIVA
La storia di uno dei palazzi monumentali più particolari della città di , nonché l’unico con un cortile interno a pianta ellittica, si intreccia con la storia di Bianca, una giovane domestica rimasta orfana che, proprio tra le mura di Palazzo Spinelli, verrà brutalmente assassinata per mano della sua padrona.
Voce narratore: Noemi De Falco
Voce attore: Giampaolo Caprino

GIOVANNA II, LA REGINA ASSASSINA
Giovanna II d’Angiò Durazzo, ultima sovrana angioina a sedere sul trono del tumultuoso regno di Napoli per ben 21 anni. Durante la sua reggenza, dalle stanze di Castel Nuovo, difese il suo ruolo e il suo potere in tutti i modi, anche rendendosi artefice di efferati omicidi.
Voce narratore: Nicola Vitiello
Voce attore: Valentina Marchi

IL FANTASMA DI PIAZZA SAN DOMENICO
Una delle vicende di gelosia omicida più macabre della storia di Napoli. Maria D’Avalos, nobildonna napoletana di stirpe spagnola e Fabrizio Carafa detto “l’Arcangelo” scoperti insieme e brutalmente assassinati dal marito di lei, Carlo Gesualdo “il principe dei musici”.
Voce narratore: Giancarlo Cattaneo
Voce attore: Valentina Marchi

L’OBLIO DI VICO PENSIERO
Prima che l’ondata del risanamento, voluta per debellare il colera del 1884, cambiasse l’urbanistica della città di Napoli, nei pressi di Via Duomo esisteva una vietta stretta e buia, Vico Pensiero. Sulla facciata di uno dei palazzi del vicolo c’era una lapide, oggi conservata nell’Istituto di Storia Patria, che riportava una scritta enigmatica. Si trattava di un oscuro monito o solo di una poesia?
Voce narratore: Rita Manzo
Voce attore: Giuliano Maschio

LA STREGA DI PORT’ALBA
Un sortilegio maledetto cambia le vite di due giovani innamorati divisi per sempre dallo spettro inquietante del demonio. La storia di Maria la Rossa, del suo amore e della sua trasformazione nella strega di Port’ Alba, imprigionata e lasciata morire per mano del Tribunale del Santo Ufficio.
Voce narratore: Alfio Battaglia
Voce attore: Giuliano Maschio

IL GALEONE DEI MISTERI, PALAZZO DONN’ANNA
La storia di uno dei simboli della città, Palazzo Donn’Anna e della sua più illustre ospite, Anna Carafa, viceregina del Regno di Napoli si mescolano insieme, su una tumultuosa linea temporale che arriva fino a Masaniello. Amori, intrighi e rivolte. Quante voci accoglie questo misterioso galeone sul mare?
Voce narratore: Rosario Pellecchia
Voce attore: Giampaolo Caprino

Continua a leggere
Pubblicità

Cultura

‘Partenope’ è il riscatto di Napoli: quando l’arte e la musica si fondono

Pubblicato

il

Partenope

“Partenope” è il riscatto di : quando l’arte e la musica si fondono

[Comunicato stampa]

“Mi chiamo Matt Russo, ho 21 anni, sono della provincia di e ti scrivo perché la nostra città ha bisogno di noi.

Il periodo di crisi sanitaria ed economica che tutto il mondo sta vivendo in questi mesi non ha paragoni nella storia moderna. In Italia, è tra le città che ha pagato, e sta ancora pagando, uno scotto tra i più pesanti in termini di occupazione, disperazione e, purtroppo, anche di vite umane. La metropoli partenopea, che già da decenni è costretta a combattere ferocemente e quotidianamente contro criminalità organizzata e crisi economico-sociale, ora sembra ancor più indifesa, incatenata alle ataviche difficoltà intrinseche del territorio in cui risiede, e abbattuta dall’ormai inesorabile diffusione del nuovo Coronavirus. La di fine 2020 è tutta qui, ripresa perfettamente dall’opera di Jago installata in piazza Plebiscito. Un bambino coricato sul fianco, con gli occhi chiusi, affaticato dai macigni della pandemia e con una catena a bloccargli ogni tentativo di fuga. Ma quella adesso deve reagire, deve rialzarsi e lottare per conquistarsi il proprio futuro. Una città nata dall’amore di una sirena disperata, che non si è piegata ai dolori del terremoto, che non ha timore della lava del Vesuvio, e che è pronta a rialzarsi anche questa volta non può trovare una descrizione nella raffigurazione di “indifesa”.
Da questi presupposti ho deciso di lanciare il messaggio per la mia gente. Partenope non è una canzone, non è un freestyle, Partenope è un’esigenza espressiva che ha trovato come unico canale d’uscita il modo in cui so esprimermi meglio, la musica.

Il 28 novembre Partenope sarà online, e tutte le reazioni spontanee verranno raccolte sotto l’hashtag #FigliDiPartenope, al fine di creare una grossa famiglia virtuale di artisti, persone, cittadini, famiglie, associazioni, aziende, uniti per il bene della propria Napoli. Una città che non si è piegata ai dolori del terremoto, che non ha timore della lava del Vesuvio, e che è pronta a rialzarsi anche questa volta, con l’aiuto di tutti. In questo momento in cui siamo costretti ad essere tanto distanti, sfruttiamo le piattaforme digitali per veicolare un messaggio importante, dedicato a tutti coloro che adesso si sentono soli, feriti, in difficoltà. Nessuno deve rimanere indietro, e la rete di solidarietà servirà a dare una nuova speranza a ogni persona, affinché Napoli possa tornare a camminare sulle proprie gambe, mosse dall’amore dei suoi cittadini.

La campagna è già sui social con un video girato tra le strade del capoluogo campano. Sarà possibile condividerlo insieme al brano o postare qualsiasi tipo di contenuto aggiungendo l’hashtag #FigliDiPartenope per unirsi alla famiglia virtuale.

Non saremo i primi e neanche gli ultimi, ma sono i piccoli contributi che messi insieme fanno la differenza.

Con il cuore, Matt.”

Continua a leggere

Calcio

Maradona nella Grande Enciclopedia Treccani

Pubblicato

il

Maradona Treccani

Per Diego Armando Maradona, la storia del calcio, si sono aperte anche le porte della Enciclopedia Treccani.

[Fonte Adnkronos]

Una sua breve biografia è infatti presente nella Grande Enciclopedia. Alla voce a lui dedicata si ripercorre in sintesi la carriera del calciatore argentino, definendolo “mezzala di grandi qualità tecniche, uno dei maggiori talenti nella storia del calcio”.

Leggi: https://www.treccani.it/enciclopedia/diego-armando-maradona

La voce enciclopedica è stata più volte aggiornata, grazie alla versione online della Treccani. Un suo ritratto appare anche nell’Enciclopedia dello Sport della Treccani pubblicata nel 2002, con una voce firmata dal giornalista Marino Bartoletti.

Potrebbe interessarti anche https://www.cronachedellacampania.it/2020/11/maradona-sgarbi-carra/

Continua a leggere

Le Notizie più lette