Seguici sui Social

Cronaca Napoli

Razzismo da social, “Andate a lavorare sfaticati, ripulite quella fogna di città” – l’attacco ai napoletani su un gruppo facebook

Pubblicato

in

Razzismo da social, “Andate a lavorare sfaticati, ripulite quella fogna di città” – l’attacco ai napoletani su un gruppo facebook. Borrelli e  Simioli . “Non ci stupiamo, oramai è una consuetudine. Abbiamo denunciato l’episodio ma il razzismo lo si combatte con la cultura l’informazione, quella corretta.”

I social network rappresentano una risorsa ed una fonte inesauribile di informazioni ma spesso si rilevano essere terreno fertile per l’odio e la discriminazione territoriale.

E’ il caso di Elena Mele che, rivoltasi al conduttore radiofonico Gianni Simioli e al Consigliere Regionale dei Verdi- Europa Verde Francesco Emilio Borrelli, ha denunciato un caso di razzismo nei confronti dei napoletani avvenuto sul gruppo Facebook “ Cerco Offro Lavoro Rimini”.

“Stavo seguendo un post relativo ad una vacanza sul quel gruppo ed ho commentato lamentando l’eccessività dei prezzi, soprattutto per il periodo di agosto, a Rimini come in qualsiasi altra località italiana.

Così un utente, che credo fosse un account fake, dato che utilizza una foto ‘rubata’ ad una fashion blogger, comincia ad insultarmi e ad offendermi, definendo tutti i napoletani una massa di parassiti che vive alle spalle dello Stato. Mi chiedo come certa gente si permetta anche solo di insinuare certe cosa senza conoscermi, senza neanche magari conoscere Napoli o un solo napoletano. Sono allibita.”- ha dichiarato la signora Elena.

“Siamo incavolati ma non certo stupiti, non è certo a prima volta che avviene una cosa del genere, è un fenomeno che va avanti da un bel po’. Molta gente si sente in diritto di attaccare ed offendere Napoli ed il suo popolo magari senza neanche conoscerli, e se ciò avviene è perché è stata fatta una manipolazione mediatica e culturale che istiga ad un odio insensato ed immotivato. Abbiamo segnalato e denunciato questo ennesimo caso di discriminazione territoriale, esigiamo più controlli sui social network ma ciò che è davvero importante è dare vita ad una riforma culturale e mediatica. Il razzismo nasce dall’ignoranza e dalla non-conoscenza, ed è quindi con la cultura e l’informazione che lo si combatte, non certo con l’odio, che non fa che generare altro odio.”- hanno dichiarato il Consigliere Borrelli ed il conduttore radiofonico Gianni Simioli.

 

 

Continua a leggere
Pubblicità
Pubblicità'