Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Cronaca Napoli

Napoli, blitz della polizia alla Sanità: arrestata donna pusher

Pubblicato

in



Ieri sera gli agenti del commissariato Vicaria-Mercato, durante un servizio di contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti, hanno effettuato un controllo presso un’abitazione in via Giuseppe Piazzi in cui hanno trovato quattro buste, occultate in una calza della befana, contenenti diversi involucri di marijuana per un peso complessivo di circa 70 grammi, la somma di 360 euro e un bilancino di precisione.
Rita Di Roberto, 32enne napoletana con precedenti di polizia, è stata arrestata per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Napoli

Napoli, sorperso a verniciare uno scooter rubato: 49enne dei Quartieri Spagnoli arrestato  per ricettazione

Pubblicato

in

Ieri mattina gli agenti del Commissariato Montecalvario, durante il servizio di controllo del territorio, hanno notato in via Croci Santa Lucia al Monte un uomo che stava verniciando uno scooter con la targa di plastica e che, alla loro vista, ha tentato di eludere il controllo cercando di disfarsi di alcune bombolette di vernice.

I poliziotti, dopo aver bloccato l’uomo, hanno accertato che il veicolo era stato rubato alcune settimane prima ed hanno arrestato per ricettazione  Alfredo Forte, 49enne napoletano con precedenti di polizia, mentre il ciclomotore è stato riconsegnato al proprietario.

Continua a leggere



Cronaca Napoli

‘Mamma e papà vi amo, ma ora devo seguire l’uomo nero’, il gioco Jonathan Galindo dietro il suicidio del bambino a Napoli

Pubblicato

in

“Mamma e papà vi amo, ma ora devo seguire l’uomo nero”. E’ questo il biglietto lasciato dal bimbo di appena 11 anni si e’ suicidato a Napoli lanciandosi dal balcone di casa.

 

E’ accaduto due notti fa al sesto piano di un palazzo signorile in via Mergellina. Il ragazzino, figlio di due stimati professionisti napoletani, ha aperto la finestra della sua cameretta  e si è lanciato nel vuoto. La Polizia di Stato e la Procura, che stanno indagando sull’accaduto, ipotizzano il reato di istigazione al suicidio. Il ragazzino prima di compiere l’insano gesto avrebbe lasciato un bigliettino con il quale chiede scusa alla mamma e nel quale fa riferimento a uno stato di paura vissuto, secondo quanto si apprende, nelle ultime ore di vita.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Sfida virtuale choc a Napoli: ragazzino di 11 anni si lancia nel vuoto e muore

L’ipotesi al vaglio della polizia che ha svolto i primi sopralluoghi è che il bambino sia potuto finire nel vortice di un gioco chiamato Jonathan Galindo. Si tratta di un uomo con un cappuccio nero che ha le sembianze benevole di Pippodella Disney, che richiede l’amicizia su ogni canale social possibile (Facebook, Instagram, Tik Tok, Twitter), scegliendo quasi sempre giovanissimi, e che lancia delle sfide a chi lo segue. Una gara fatta di piccoli step con difficoltà sempre più elevate e che potrebbe aver spinto il ragazzo a lanciarsi nel vuoto perché cosi era stato deciso dall’uomo col
cappuccio. Sul web ci sono tantissimi articoli e video che raccontano di questo nuovo fenomeno nato in America e arrivato in Europa passando prima per la Spagna e la Germania e poi approdato in Italia.

La Procura dei minori ha aperto un fascicolo e le forze di polizia hanno sequestrato tutti i device usati dal bambino. Prima di tutto il cellulare, poi una consolle in grado di collegarsi ad internet e quindi di interagire con altri utenti sparsi nel mondo. Tutto ciò che possa
aiutare le investigazioni è stato portato via.  Naturalmente i genitori sono stati ascoltati insieme con la sorella. Nelle prossime ore è possibile che siano ascoltati anche alcuni amichetti.

Continua a leggere



Le Notizie più lette