Napoli, mare di nuovo inquinato a Mergellina: perfino un gatto morto. IL VIDEO

SULLO STESSO ARGOMENTO

Fase 2, il mare torna ad essere inquinato. Le acque di Mergellina subito piene di spazzatura, olio e perfino un gatto morto: “Stiamo tornando rapidamente indietro. Bisogna individuare chi inquina e punire gli incivili”.

 

“Durante la fase di lokcdown il Lungomare di Napoli è stato al centro dell’attenzione per come le acque del mare si mostrassero limpide e pulite. La situazione sta cambiando radicalmente con l’avvio della fase 2 dell’emergenza sanitaria. Con la riapertura di tante attività, la moltitudine di persone che invade, in modo quasi perenne, la zona e la ripresa del traffico dei natanti, le acque si stanno immediatamente contaminando. Molti cittadini ci hanno segnalato la sporcizia del mare: nei video denuncia si vede come nella zona di Mergellina il mare sia ritornato sporco ed inquinato, con una patina d’olio che ne ricopre la superficie. Al porticciolo, poi, la situazione si mostra a dir poco disastrosa, addirittura il corpo di un gatto senza vita si vede galleggiare sull’acqua, assieme ad alcuni barili e a rifiuti vari. Era bastato poco per avere un mare pulito e cristallino, quando le attività si erano fermate, ed è bastato ancor meno, con la ripresa parziale, per far ritornare tutto come prima ed anche peggio. Abbiamo chiesto all’Arpac di analizzare subito le acque e chiediamo alla Polizia Municipale di far fare urgentemente le verifiche per capire chi scarica abusivamente”. È quanto dichiarato da Francesco Emilio Borrelli, consigliere regionale dei Verdi e dal consigliere che ride della I Municipalità Gianni Caselli.

“L’inciviltà, la strafottenza e la disonestà hanno immediatamente distrutto quello che la natura si era ripreso. E non solo le acque, anche la strada del Lungomare, è ritornata ad essere sporca, ricoperta di cartacce e spazzatura. Pretendiamo – hanno aggiunto Borrelli e Caselli- che si facciano i dovuti controlli per verificare chi e in che modo commette crimini ambientali sversando rifiuti in mare, e gettando rifiuti in strada senza criterio ed in modo illecito. Dobbiamo dire basta a reati contro l’ambiente o presto il prezzo da pagare sarà altissimo”.







    LEGGI ANCHE

    E’ tornata la neve sul Vesuvio e in Irpinia

    Nelle ultime ore, una repentina ondata di freddo ha colpito la regione della Campania, portando neve sul Vesuvio e in Alta Irpinia. Questo improvviso cambiamento meteorologico è stato causato da un crollo repentino delle temperature e dalle piogge abbondanti registrate nelle ultime ore . La neve sul Vesuvio, ritardataria rispetto agli anni precedenti a causa di un febbraio insolitamente mite, ha regalato uno spettacolo insolito agli abitanti della zona, coprendo il paesaggio di bianco e creando...

    Al Teatro Serra, riflessioni sull’identità maschile oggi

    **Identità Maschile nel Dramma Teatrale "C19H28O2 (o Come Avere le Palle)"** Al Teatro Serra di Napoli, la compagnia teatrale "Lidi Precari" porta in scena dal 15 al 17 marzo l'opera teatrale "C19H28O2 (o come avere le palle)", un profondo spettacolo che si interroga sull'identità maschile nel mondo odierno. Il titolo dal significato esplicito, la formula chimica del Testosterone, introduce gli spettatori in un viaggio alla scoperta di cosa significhi essere uomini oggi. Attraverso le performance...

    Interrogazione M5s sull’impianto di depurazione di Solofra

    Il Movimento 5 Stelle solleva l'allarme sull'inquinamento del torrente Solofrana, causato dalle acque reflue delle industrie conciarie di Solofra. I consiglieri regionali Vincenzo Ciampi e Michele Cammarano preoccupati per l'alto livello di inquinamento ambientale evidenziato da esalazioni nauseabonde, colorazioni anomale delle acque e presenza di schiume. L'impianto di depurazione di via Carpisani, parte del complesso depurativo Alto Sarno di proprietà della Regione Campania, è al centro di una possibile gestione mista dove il Comune di Solofra...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE