Seguici sui Social

Sport

Malagò: ‘Sport traino per rinascita. Spero ripartire 20 maggio’

Pubblicato

in


Pubblicità


“Oggi lo sport è da traino per l’economia, possiamo anche metterla su un piano sociale, quindi traina l’emotività. Lo sport in questo può essere oggettivamente una grande medicina, senza mai sottovalutare ciò che è accaduto e nel rispetto delle persone che non ci sono più”. Lo ha detto, intervenendo a radio Punto nuovo il presidente del Coni Giovanni Malagò. Sulla ripresa al 20 maggio aggiunge: “Se suppongo una ripresa al 20 maggio deve essere confermato da Borrelli, capo della Protezione Civile, ma il problema non è solo la partita. I giocatori devono essere certi che tra di loro non ci sia nessun positivo e quindi tutti gli atleti devono avere dei tamponi e ciò creerebbe malcontento popolare. Queste partite, in fine, non si giocano in un’unica città, quindi c’è difficoltà a livello logistico. Spero di avere una libertà di manovra diversa, ce lo auspichiamo, ma da lì a dire che andrò all’aeroporto, prendo l’aereo per andare a Milano per tre volte a settimana, lo vedo complicato”. Malagò parla anche del fondo salva sport: “Oggi il calcio ha tanti problemi, come le altre Federazioni e si deve appellare a soggetti terzi ed oggettivamente non credo sia nella condizione di poter aiutare gli altri. E’ un discorso che andava presentato in dinamiche temporali diverse”.Il boccino delle date per la ripresa oggi “è in mano alle Leghe che devono comunque ascoltare la Federazione che gli ha mandato un mandato concordato preventivamente. Oggi se – e sottolineo se – si dovesse andare ad una rivisitazione, com’è molto probabile, di date, gironi e quant’altro, serve il beneplacito della Federazione laddove la Lega arrivasse ad un documento omogeneo”

Continua a leggere
Pubblicità