Seguici sui Social

Pubblicità

Calcio

Coronavirus: morta a Barcellona la madre di Pep Guardiola

Pubblicato

in


La madre di Pep Guardiola e’ morta a 82 anni dopo aver contratto il coronavirus. Lo ha annunciato il Manchester City. “La famiglia del Manchester City e’ devastata nel riferire la morte della madre di Pep, Dolors Sala Carrio a Manresa, a Barcellona, dopo aver contratto il coronavirus”, ha dichiarato il club della Premier League. “Tutti gli associati al club inviano le loro piu’ sentite condoglianze in questo momento piu’ angosciante a Pep, alla sua famiglia e a tutti i loro amici”. Guardiola, 49 anni, il mese scorso aveva donato un milione di euro per l’acquisto di forniture mediche per la lotta contro la pandemia di coronavirus nella sua nativa Spagna. Aveva anche pubblicato un video nell’ambito dell’iniziativa del club, Cityzens At Home, sollecitando i fan a rimanere a casa.

Pubblicità
Continua a leggere
Pubblicità

Calcio

Calcio – Spadafora, date possibili per il campionato restano 13 o 20 giugno

Pubblicato

in

“Le date possibili per la ripresa del campionato restano quelle del 13 e 20 giugno”. Lo dice il ministro dello Sport, Vincenzo Spadafora, al Tg3. E poi ha aggiunto: “Pochi minuti fa è arrivato il nuovo protocollo proposto dalla Fgci per la ripresa degli allenamenti e la ripresa del campionato, è molto simile nelle regole a quello per gli allenamenti.Se serve, sono disponibile come ministro e come governo a mettere nello stesso provvedimento che firmeremo per la riapertura del campionato le norme che serviranno per avere anche in Italia la diretta gol, come succede in Germania. Il presidente Gravina sta facendo un ottimo lavoro sul calcio femminile e io tra l’altro sto gia’ lavorando a una richiesta importante: nella riforma dello sport, che sicuramente porteremo in approvazione entro l’estate, dobbiamo prevedere anche il professionismo femminile”.

Continua a leggere

Il Napoli

Compleanno De Laurentiis, gli auguri social di Gattuso e Insigne

Pubblicato

in

Giornata di festa in casa Napoli con il presidente Aurelio De Laurentiis che copie 71 anni. “Caro Presidente ti rivolgo un affettuoso augurio di buon compleanno, con l’auspicio che il nostro cammino sia ricco di intense emozioni azzurre da vivere e da ricordare” scrive sul sito dei partenopei il tecnico Gennaro Gattuso. Anche Marek Hamsik, Ezequiel Lavezzi e Paolo Cannavaro, oltre a Lorenzo Insigne hanno voluto dedicare i suoi auguri a nome del gruppo: “Ciao Presidente, voglio farle i migliori auguri di buon compleanno da parte mia e di tutta la squadra, le mando un abbraccio forte”. Il presidente della regione Campania ha rivolto gli auguri a De Laurentiis attraverso un video su facebook: “Caro Aurelio mi dicono che fai gli anni. Il primo pensiero che mi viene e’ molto semplice: quanto mi sei costato! Ma ne valeva la pena, abbiamo fatto uno stadio San Paolo bellissimo. Abbiamo fatto eventi sportivi, eventi internazionali che hanno rilanciato l’immagine di Napoli e della Campania.

Auguri a te per altri 200 anni. Siamo gemellari, siamo dello stesso anno, fa bene pure a me. Tanti auguri a te, alla tua squadra e auguri a te come uomo, sei una delle persone libere di questo Paese. Una delle poche, persino esageratemente libero. Ma è bello trovare qualcuno che non misura le parole prima di pronunciarle, che non si preoccupa di essere sempre politicamente corretto e che ogni tanto dici pure qualche parolaccia che fa bene, per comunicare meglio”.

Continua a leggere

Calcio

Coronavirus: due nuovi positivi in Premier League Effettuati test su 996 giocatori

Pubblicato

in

Tre giornate di test e tamponi ad un totale di 996 giocatori. Martedi’, giovedi’ e venerdi’ la Premier League ha eseguito nuovi esami per capire eventuali positivita’ al Covid-19. E dopo le notizie negative sulla positivita’ di sei giocatori, anche in questo caso non c’e’ da sorridere. Ora la massima divisione del campionato di calcio inglese ha annunciato due nuovi casi in due club tra i 996 tamponi eseguiti. I due giocatori sono stati immediatamente isolati e dovranno restarci per sette giorni. I sei giocatori risultati positivi qualche giorno fa, non sono stati inclusi tra i 996 giocatori testati e stanno ancora osservando il proprio periodo di isolamento.

Continua a leggere
Pubblicità