23.6 C
Napoli
sabato, Luglio 4, 2020

Sport ignorato nell’emergenza Coronavirus, il Governo si assuma le responsabilità di un comparto che vale il 2% del PIL

Pubblicità

DALLA HOME

ROMA – «Il Governo si svegli e si assuma la responsabilità di sostenere il mondo dello sport di base finora ignorato e sempre fanalino di coda rispetto ad altri comparti. Il Ministro Spadafora, si faccia carico di recepire le istanze di un settore messo in ginocchio dall’epidemia di Covid-19 e dalle stesse politiche governative inadeguate, per un comparto che rappresenta il 2% del PIL. In questo momento migliaia di palestre, centri sportivi e operatori rischiano il collasso a causa di una scellerata gestione dell’emergenza, sotto tutti i punti di vista.

Ribadiamo l’importanza di una terapia d’urto che preveda di:

1. Istituire presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze un “Fondo Utenze” per sostenere la ripresa economica per gli impianti sportivi.

2. Ridurre o sospendere il pagamento dei canoni per l’impiantistica sportiva pubblica e privata (mutui).

3. Istituire presso la Sport e Salute S.p.A. un fondo per risarcire i costi sostenuti per la copertura assicurativa per tesserati (polizza Infortuni, polizza Rct) da parte delle società iscritte al Registro Nazionale Coni, nel periodo di emergenza.

4. Riduzione immediata e direttamente in bolletta, per associazioni e imprese che gestiscono Palestre, Impianti Sportivi e Natatori di parte delle accise/tasse in misura congrua a supportare il momento critico e la successiva ripresa.

5. Consentire ai tesserati residenti nelle aree gialle che non hanno potuto fruire degli impianti e praticare sport, di dedurre quota parte dei costi di abbonamento: nel dettaglio, possibilità per l’utente finale di dedurre, nella successiva dichiarazione dei redditi, le quote di abbonamento pagate da marzo a dicembre 2020, con sistemi tracciabili, per l’iscrizione alle associazioni e imprese che operano in palestre, impianti sportivi e natatori nella misura del 100% e fino ad un tetto massimo di € 1.000.

Nell’ambito dell’adozione di linee guida di autocondotta, come la disinfettazione periodica – in base alle specifiche indicazioni che verranno emanate dal Ministero – mettere a disposizione prodotti di sanificazione disinfettanti o prevedere un totale scarico fiscale».

Così, il sen. Claudio Barbaro, presidente di ASI (Associazioni Sportive e Sociali Italiane), al termine di un incontro con gli operatori del settore.

Pubblicità
Pubblicità

I FATTI DEL GIORNO

Juve Stabia ingiustificabile, sprofonda anche a Salerno

La Juve Stabia perde la quarta partita consecutiva, la seconda con una superiorità numerica per tutto il match. All'Arechi la Salernitana si impone 2-1...
come fare lo spritz

Come fare LO SPRITZ..RICETTA per un buon Aperitivo

Come fare lo Spritz ? E Chi non conosce o non ha mai sorseggiato uno Spritz? Dal 2011 conosciuto anche come Spritz veneziano dall'IBA,...
truffa servizi a pagamento

MAXI TRUFFA Servizi a pagamento attivati sul cellulare senza consenso

Maxi Truffa servizi a pagamento : Attraverso siti ingannevoli gli abbonati si ritrovavano con servizi a pagamenti indesiderati: indagate 11 persone, migliaia le vittime Questa...

Ritorno al Futuro il film cult anni 80 compie 35 anni Ecco i gadget...

Ritorno al futuro è stato un film Cult per generazioni ,  per festeggiare i 35 anni del primo Episodio (mitico) vi mostriamo i gadget...
corteo ugo russo

Napoli, centri sociali in piazza: ‘Verità e giustizia per Ugo Russo’

Napoli. Sono scesi in strada per ricordare Ugo Russo, il 15enne rimasto ucciso mentre tentava la rapina di un orologio Rolex a un carabiniere...