Coronavirus, l’Asl Napoli 1: ‘Rispettati tutti i protocolli sul paziente uno napoletano’

cotugno napoli

Napoli. E’ scoppiata la polemica tra Asl di e il cosiddetto “paziente 1” affetto da Coronavirus. Il direttore generale dell’Asl 1, Ciro Verdoliva in una nota spiega: “Stamane alcuni organi di informazione riportano le parole del cosiddetto “paziente uno partenopeo”, due interviste nelle quali l’uomo afferma di non essere stato informato tempestivamente dall’ASL 1 Centro della sua positività al -19 e di averlo appreso per deduzione dalla lettura dei giornali del mattino seguente. Il direttore generale dell’ASL Napoli 1 Centro Ciro Verdoliva smentisce categoricamente tali affermazioni in quanto non corrispondenti alla realtà dei fatti sottolineando, invece, che i protocolli previsti sono stati eseguiti puntualmente e nel rispetto delle linee guida regionali, come risulta da atti formali.
In modo specifico al paziente è stata realizzata un’intervista (da parte del personale della competente Unità Operativa Prevenzione Collettiva) tesa a raccogliere tutti i particolari ancor prima che lo stesso risultasse positivo al test. L’intervista è stata redatta nel pomeriggio del 26.02 e la stessa riporta già con dettaglio i particolari degli spostamenti e dei contatti stretti. Alle ore 21,30 del 26.02, a seguito di risultato “prima positività” comunicato dal Cotugno, l’ASL 1 Centro ha provveduto attraverso il personale dirigente dell’Unità Operativa di Prevenzione Collettiva del Distretto Sanitario competente, a contattare presso la sua abitazione il paziente alle ore 22,15 circa, il quale – a seguito della notizia riferitagli con estrema puntualità – ha anche fornito il cellulare per permettere l’attivazione del necessario programma di sorveglianza attiva. Tutti elementi che il “paziente uno partenopeo” ha dimenticato di riferire ai giornali”.

LEGGI ANCHE  Juve, stretta per il rinnovo di Dybala: parti ancora distanti