“Ascoltando la proposta del Maestro Muti di una Cittadella dello spettacolo da realizzare a Napoli sul modello del “Lincoln Center for the Performing Arts” di New York mi è venuto immediatamente in mente l’Albergo dei Poveri come il luogo più suggestivo, più strategico e più adatto a questo progetto”. Così lo scienziato Marco Salvatore, aprendo stamane l’incontro dedicato alla dismissione dei beni pubblici, ha lanciato la prima proposta della dodicesima edizione del Sabato delle Idee, il pensatoio napoletano che dal 2009 ha messo in rete alcune delle migliori eccellenze scientifiche, accademiche e culturali del Mezzogiorno.

Acquisito nel patrimonio del Comune di Napoli nel 1981 ed oggetto negli anni di numerosi progetti di restauro e valorizzazione mai realizzati ad oggi il Real Albergo dei Poveri, che è uno dei palazzi monumentali più grandi d’Europa, è al centro di una scelta di dismissione operata dal Comune di Napoli già da alcuni anni dopo che sono andate deserte (quantomeno sotto il profilo della copertura finanziaria) alcune manifestazioni di interesse lanciate dal Sindaco Luigi de Magistris già durante il suo primo mandato.

Di fronte alla sua attuale valutazione di 120 milioni di euro (è in corso dal 2017 una trattativa di federal building con il Demanio), nonostante una valutazione di almeno 200 milioni di euro di costi di restauro, una struttura così mastodontica e così logisticamente strategica (vista la sua posizione all’interno del Centro Storico Unesco ma anche a due passi dalla stazione ferroviaria e dall’aeroporto) potrebbe essere appetibile anche per forze imprenditoriali private. Ne è convinto anche il Rettore dell’Università Suor Orsola Benincasa, Lucio d’Alessandro, che già nel 2010 aveva lanciato al Sabato delle Idee la proposta di una cittadella delle arti performative che ora troverebbe finalmente casa anche grazie al lavoro delle due Università napoletane partner del Sabato delle Idee che si sono dichiarate subito disponibili a collaborare al progetto soprattutto sugli interventi di restauro e di progettazione culturale. “Il Sabato delle Idee in questi anni è servito anche e soprattutto ad eliminare l’alibi della società civile che reclama spesso per non essere adeguatamente coinvolta nel ‘governo’ attivo della città – ha sottolineato il Rettore dell’Università Federico II di Napoli, Arturo De Vivo – ed ecco allora che su una proposta così importante come questa di Marco Salvatore si può davvero misurare la capacità di azione di tutte le forze della città.

“66 miliardi di euro di patrimonio immobiliare della pubblica amministrazione non utilizzato per fini istituzionali e 40 miliardi di sprechi nella PA per la sola voce infrastrutture”. I numeri snocciolati da Ilaria Caggiano, professore ordinario di Diritto privato all’Università Suor Orsola Benincasa, hanno dato il senso dell’importanza dell’azione normativa di dismissione dei beni pubblici che è stata al centro del dibattito del Sabato delle Idee, organizzato insieme all’Ordine dei Giornalista della Campania ed alla Fondazione Castel Capuano ed ospitato a Villa Sanfelice di Monteforte, nella prestigiosa sede della Fondazione Salvatore.Semplificazione normativa nella gestione del patrimonio dismesso e potenziamento del partenariato pubblico – privato sono stati gli auspici più ricorrenti negli interventi dei relatori nel corso della discussione coordinata da Stefano d’Alfonso, professore ordinario dell’Università Federico II di Napoli.

Il prossimo appuntamento del Sabato delle Idee è fissato per sabato 22 Febbraio alle ore 10 (anche in questo caso nella sede della Fondazione Salvatore ed all’interno del calendario di incontri di formazione e aggiornamento professionale dell’Ordine dei Giornalisti della Campania) con un importante confronto sul futuro della ricerca che ospiterà, tra gli altri, gli interventi del presidente del CNR Massimo Inguscio e del Ministro dell’Università e della Ricerca Gaetano Manfredi.



Pubblicità'

Inseguito e bloccato nel Casertano con 400 chili di rame in auto

Notizia Precedente

Napoli, alto impatto nella zona mercato e borgo Sant’Antonio

Prossima Notizia