Artemisia Gentileschi batte un nuovo record mondiale con un dipinto venduto ieri sera all’asta da Artcurial a Parigi, per 4.777.000 euro. Il dipinto dell’artista caravaggesca era rimasto in una collezione privata di Lione in Francia negli ultimi quarant’anni. “Lucrezia”, olio su tela, è databile al periodo 1630-1637 e ad acquistarlo, come ha riferito la casa d’aste francese all’AdnKronos, attraverso il banditore Matthieu Fournier, è stato un acquirente proveniente dalla Gran Bretagna. Stimato tra i seicento e gli ottocentomila euro, il quadro è stato al centro di un vasto interesse tra collezionisti e mercanti d’arte presenti in sala e collegati via telefono. Alla fine l’aggiudicazione a 4.777.000 euro ha infranto il precedente record per Artemisia Gentileschi, risalente al dicembre 2017 quando all’asta all’Hotel Drouot di Parigi era stato venduto per 2.360.600 euro l’autoritratto dell’artista come “Santa Caterina di Alessandria”. Nell’estate 2018 la National Gallery di Londra ha acquistato quest’ultima opera per 3,6 milioni di sterline grazie all’aiuto di numerosi enti e benefattori, alcuni dei quali hanno preferito rimanere anonimi.
“Lucrezia” risale al soggiorno napoletano di Artemisia, città dove poi la pittrice è rimasta per il resto della sua vita. L’inquadratura a mezzo busto di Lucrezia e lo sfondo nero, da cui la figura emerge quasi come sbalzata nella terza dimensione, sono elementi di ascendenza caravaggesca, mediati dalla lezione del padre Orazio Gentileschi. Il destino del personaggio di Lucrezia, che si uccide dopo essere stata vittima di stupro, fu particolarmente caro ad Artemisia.

Contenuti Sponsorizzati