Al telefono faceva sapere di avere pronte “le sfogliatelle calde”. Tra i clienti c’era chi ordinava “la pizza” oppure “un bambino” e ancora diceva di voler fare “mezza giornata di lavoro” che significava voler acquistare una dose da 50 euro. Ieri il pm del Tribunale di Torre Annunziata ha chiesto condanne complessivo per il gruppo di pusher legati ad Anna Gallo detta “ninnacchera”, vedova del boss Ernesto Venditto soprannominato “Bicchierino”, e madre di Aurelio Venditto, ucciso in un agguato il 28 febbraio 1999 dai sicari del clan Birra-lacomino di Ercolano in vico del Fico a Torre Annunziata.A ottobre dello scorso anno fu arrestata insieme con altre 16 persone nel corso di un blitz dei carabinieri che misero fine al lucroso traffico di droga nei vicoli della Provolera. Per il capo ovvero “Ninnacchera” la richiesta di condanna è quella più alta e cioè di 9 anni di reclusione. Mentre 8 anni e 6 mesi sono stati chiesti per il nipote Andrea Gallo, e ancora 8 anni per la cognata Elena Albergatore, il fratello Giovanni Albergatore, e il nipote Antonio Albergatore, Luigi Albergatore e Giuseppe Battaglia. Condanne più lievi sono state chieste per gli altri imputati.

LEGGI ANCHE  'Il virus è opera del demonio'. Morto il prete esorcista. L'ULTIMA BENEDIZIONE

LE RICHIESTE DI CONDANNA

ADS

Antonio Albergatore: 8 anni;
Elena Albergatore: 8 anni;
Giovanni Albergatore: 8 anni;
Luigi Albergatore: 4 anni e 8 mesi
Angelo Annunziata; 2 anni e 10 mesi Angela Antille: 3 anni
Carmine Balzano: 3 anni
Giuseppe Battaglia: 8 anni
Ida Dinamico: 6 anni
Andrea Gallo: 8 anni e 6 mesi,
Anna Gallo: 9 anni
Luigi Guida: 2 anni
Caterina Izzi: 4 anni e 8 mesi Vincenzo Ruggero: 5 anni
Rosanna Venditto: 4 anni e 8 mesi Mario Verbo: 2 anni



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

L’ex superlatitante Marco Di Lauro dava duecento euro a notte al meccanico che gli ‘preparava’ le auto per la fuga. LE INTERCETTAZIONI

Notizia precedente

Napoli, sorpresi sul tetto del lotto T/A a Scampia con 2.250 dosi di droga nascoste dietro ad un mattone nel vano scale

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..