Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Salerno e Provincia

Blitz dei carabinieri mentre confezionano la cocaina in un opificio nel Salernitano: due arresti

Pubblicato

in



Un 40enne, M.C, e un 26enne, G.P, entrambi di Campagna, sono stati arrestati con l’accusa di spaccio e detenzione ai fini di spaccio di cocaina. Nel corso dei controlli un giovane è stato notato e subito bloccato dai carabinieri mentre si allontanava dal piazzale antistante un opificio di . E così, dopo la perquisizione, quest’ultimo è stato trovato in possesso di una dose di cocaina dal peso di 1 grammo circa e quindi segnalato alla Prefettura di .
Immediato il blitz antidroga all’interno dell’opificio, dove sono stati sorpresi i due arrestati mentre confezionavano altre dosi della stessa sostanza. Dopo le perquisizioni personali e locale i militari dell’Arma hanno ritrovato due involucri contenenti cocaina del peso totale di circa 60 grammi, un bilancino elettronico di precisione, buste in cellophane trasparente per il confezionamento delle dosi, una discreta somma di denaro contante ritenuta provento dello spaccio e altro materiale pertinente allo stesso reato. Tutto la merce è stata posta sotto sequestro. Dopo le formalità di rito, su disposizione del pm di turno, i due sono stati rinchiuso nella Casa Circondariale di Salerno in attesa dell’udienza di convalida.

Continua a leggere
Pubblicità

Avellino e Provincia

Tumore avanzato al seno: mamma coraggio decide di partorire

Pubblicato

in

Il 17 settembre, alla trentasettesima settimana, alle ore 0,5, alla Clinica Malzoni di Avellino, dopo solo qualche ora di travaglio, è nata una splendida bimba che pesa 2,800 chilogrammi e che non ha avuto bisogno della incubatrice

Il miracolo della vita irrompe ad Avellino, alla clinica Malzoni di Avellino. Una mamma salernitana, nonostante un tumore in stato avanzato al seno, ha portato avanti la propria gravidenza, assistita dal dottore Raffaele Petta. Si tratta del secondo bambino, che allieterà le giornate di una 31enne salernitana, E.O. le sue iniziali, già costretta a sottoporsi ad un delicato intervento laparoscopico per endometriosi, nel 2017, eseguito dal medico salernitano.

La gioia per la notizia della “seconda cicogna in arrivo” era stata, però, cancellata dalla preoccupazione per la presenza di un nodulo al seno. La paziente si era sottoposta alla consulenza del dottore Giuseppe Santoro che dopo approfonditi effettuava la diagnosi: tumore al seno, con un diametro di 5 centimetri, altamente maligno. Fu ventilata l’ipotesi di interrompere la gravidanza per eseguire subito un intervento chirurgico ma la mamma coraggio non esitò a voler continuare la gravidanza pur di salvare la propria creatura. Fu sottoposta a due cicli di chemioterapia in gravidanza, eseguiti dalla dottoressa Clementina Savastano. Alla paziente, in una consulenza ginecologica fu prescritto da altro medico interrompere la chemioterapia per essere sottoposta a 34 settimane ad un taglio cesareo. Si trattava però di partio prematuro. Il dottore Petta decise di consultarsi con il professore Carmine Malzoni e propose la prosecuzione della gravidanza con l’espletamento del parto per via naturale a 37 settimane.

Il 17 settembre, alla trentasettesima settimana, alle ore 0,05, alla Clinica Malzoni di Avellino, dopo solo qualche ora di travaglio, è nata una splendida bimba che pesa 2,800 chilogrammi e che non ha avuto bisogno della incubatrice. “La paziente è stata sottoposta a due cicli di chemioterapia durante la gravidanza che hanno consentito di fermare la progressione del tumore. Non essendo stata operata di taglio cesareo ha avuto una ripresa immediata che le consente di affrontare in tempi rapidissimi l’intervento chirurgico di asportazione del tumore al seno”, afferma il dottore Raffaele Petta, ginecologo della Clinica Malzoni di Avellino.

Continua a leggere



Salerno e Provincia

Emergenza Covid a Salerno: la Questura non autorizza i fuochi per San Matteo

Pubblicato

in

Per la ricorrenza di San Matteo, Santo Patrono della città di , che verrà celebrato lunedì 21 settembre, i fuochi pirotecnici non sono stati autorizzati.

La Questura infatti non ha accolto le istanze di autorizzazione ad accendere i fuochi alle ore 12 ed alle ore 23 del 21 settembre, in occasione della ricorrenza.

Continua a leggere



Pubblicità

Pubblicità

DALLA HOME

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette