Seguici sui Social



copertina

Arance alla cocaina e all’hashish per i detenuti del carcere di Poggioreale: arrestata moglie di un detenuto

Pubblicato

in


“La Segreteria Nazionale del SAPPE Sindacato Autonomo Polizia Penitenziaria più rappresentativo della categoria nella persona del Segretario Nazionale Emilio Fattorello esprime il proprio compiacimento per la brillante operazione compiuta dalle donne e dagli uomini della Polizia Penitenziaria presso l’Unità operativa Colloqui del carcere di Poggioreale”, si legge in un comunicato. Infatti oggi durante i controlli dei familiari ammessi ai colloqui nel carcere di Poggioreale una moglie ha cercato di introdurre sostanze stupefacenti nel carcere dirette al marito detenuto. Nel pacco che la donna portava per la consegna al congiunto sono state rinvenute sostanze stupefacenti abilmente occultate all’interno di arance. Dalle successive analisi della sostanza si è appurato che trattasi di 16 grammi di hashish e circa 21 grammi di cocaina. La donna F.I. di origine napoletana è stata arrestata e rinchiusa presso la Casa Circondariale Femminile di Pozzuoli. Nella stessa mattinata odierna sempre presso il Reparto Colloqui di Poggioreale durante una perquisizione personale sono state rinvenute e sequestrate alcune stecchette di stupefacenti del tipo cannabis. Una donna M.G. trentaseienne ammessa ai colloqui con il fratello ha cercato di introdurre illecitamente la sostanza stupefacente nascondendola nelle proprie parti intime ma la professionalità della Polizia Penitenziaria ha reso possibile il rinvenimento. La sostanza stupefacente sequestrata è risultata essere 22 grammi di cannabis. “L’attività della Polizia Penitenziaria presso l’Istituto di Poggioreale- spiega Fattorello-nonostante mille criticità dovute al sovraffollamento e alla carenza di organici e mezzi, viene svolta sempre in maniera encomiabile garantendo sempre l’ordine e sicurezza all’interno dell’Istituto e neutralizzando i tentavi di traffici illeciti di sostanze stupefacenti e telefonini tra l’esterno e l’interno della Struttura penitenziaria. Basti pensare che oggi nell’Istituto partenopeo erano presenti 2349 detenuti e sono stati effettuati 427 colloqui con un ingresso di circa 1200 persone per incontrare i congiunti ristretti. Proprio nella mattinata odierna la scrivente O.S. ha incontrato il direttore ed il comandante dell’Istituto per discutere sull’Organizzazione del Lavoro e su uno striminzito Piano Ferie che a causa della carenza organica come esposto dalla Parte Pubblica con i numeri attuali che ci sono di Unità presenti non può superare i periodi della durata di 15 giorni per garantire la fruizione di un pur minimo periodo di ferie a tutti. L’organico di Polizia Penitenziaria presente al momento vede una carenza di circa 200 unità perché a fronte di 911 unità previste, sono operative solo 732 e l’Istituto soffre di sovraffollamento di circa 800 detenuti in più rispetto la soglia tollerabile che è di circa 1600 detenuti. Il SAPPE porterà la questione nelle Sedi competenti sia politiche che amministrative per poter adeguare l’organico in sofferenza anche in previsione della prossima apertura del ristrutturato Padiglione Venezia ed al fine di consentire un necessario aumento del periodo di Ferie spettante ad un Personale stanco, anziano e demotivato che attende un congruo periodo di riposo per il proprio recupero psicofisico”. Si può ampiamente affermare che oramai gli uomini in divisa con il costante impegno profuso quotidianamente stanno debellando la criminalità organizzata visto e considerato che nei meandri di Poggioreale ci sono vere e proprie piazze di spaccio ben articolate all’interno delle mura, alimentate dalla realtà esterna.

Continua a leggere
Pubblicità