Caivano. “Per cambiare vita, per far dimenticare questa brutta storia, vado via dalla Campania”. Lo ha detto Mimma Guardano, la mamma di Fortuna Loffredo, ‘Chicca’, la bimba scaraventata dal terrazzo dell’ottavo piano del palazzo dove abitava, nel Parco Iacp di Caivano, il 24 giugno del 2014. Oggi è attesa la sentenza della Corte di Assise di Appello nei confronti di colui che l’avrebbe uccisa dopo non essere riuscito a violentarla, Raimondo Caputo, detto Titò, condannato poco più di un anno fa all’ergastolo. “Dovunque io vada – tiene a precisare – Chicca sarà sempre con me”. Mimma andrà a cercare fortuna a Mantova.
“Mi aspetto che gli venga confermato l’ergastolo, come nel primo processo” ha aggiunto. “Da quando lei non c’è più sono io che ho preso l’ergastolo – loro sono dentro, mangiano, bevono e dormono. Io ho preso ergastolo fuori dal carcere”.



Pubblicità'

Anacapri: carabinieri arrestano per la seconda volta 18enne che spaccia a coetanei

Notizia Precedente

Nel 2018 Amazon creerà 1.700 nuovi posti di lavoro in Italia. Ecco chi può candidarsi e dove

Prossima Notizia