Molestie ad avvocatessa nello studio, chiesti 8 anni carcere. E’ la pena richiesta dal pm della Procura di Santa Maria Capua Vetere, Antonella Cantiello nel processo a carico del panettiere di 30 anni Francesco Iodice, accusato di violenza sessuale e stalking ai danni di un’avvocatessa di Macerata Campania, nel Casertano. Tra le circostanze contestate dall’accusa, vi sarebbero i palpeggiamenti di cui la giovane professionista sarebbe rimasta vittima nello studio legale in cui lavorava. Il dibattimento e’ in corso davanti alla Seconda Sezione Penale del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere presieduta da Maria Francica. Iodice, difeso dagli avvocati Antonio Veltre e Raffaele Crisileo. Il panettiere e’ attualmente detenuto. La vicenda emerse due anni fa, quando la giovane avvocatessa, accompagnata dai legali dove faceva pratica professionale, si reco’ alla Stazione dei Carabinieri di Macerata Campania per sporgere denuncia contro Iodice. La ragazza racconto’ di aver avuto una relazione sentimentale con il trentenne, ma di averla poi interrotta, subendo da quel momento le molestie a la persecuzione di Iodice, che non voleva rassegnarsi alla fine del rapporto. La pubblica accusa, in oltre due di requisitoria, ha descritto il comportamento di Iodice, che avrebbe piu’ volte inseguito l’ex mentre era in auto, presentandosi spesso allo studio legale dove lavorava; l’uomo avrebbe inoltre tempestato di telefonate e di molestie l’avvocatessa, fino a tentare di abusare di lei. Alla prossima udienza ci sara’ l’arringa dei difensori, quindi la sentenza.

La Redazione
Contenuti Sponsorizzati