Oroscopo di oggi 22 giugno 2024

Oroscopo di oggi 22 giugno 2024: le previsioni dello...

Camorra, Rosaria Pagano evitò che Mauriello uccidesse Pietro Caiazza. LE INTERCETTAZIONI

SULLO STESSO ARGOMENTO

E’ stata la mediazione di zia Rosaria Pagano ad evitare un ulteriore bagno di sangue e la clamorosa scissione all’interno del clan Amato-Pagano a Melito lo scorso anno prima del suo arresto (16 gennaio 2017) e di quello successivo del figlio minorenne (24 maggio 2017). Nell’estate del 2016 infatti Ciro Mauriello, numero due della cosca dopo la Pagano, era entrato in netto contrasto con il suo fedelissmo Pierino Caiazza. Aveva deciso di eliminarlo come emerge dagli atti dell’ordinanza di custodia cautelare emessa del gip del tribunale dei Minorenni nei confronti di D.A.A. figlio minore della Pagano e accusato del duplice omicidio di Alessandro Laperuta e Achir Muhamed Nuvo ucciso in un appartamento di Melito il 20 giugno del 2016. Il mese precedente prima che la situazione precipitasse con il duplice omicidio Laperuta-Nuvo e il ferimento del figlio minore della Pagano ci cu un simmit a casa di Ciro Mauriello a Melito a cui parteciparono Rosaria Pagano, il figlio, Giuseppe Cipressa detto “Peppaccio” Claudio Cristiano detto “Bisio”, tale Totore e Raffaele Mauriello figlio di Ciro. Quest’ultimo aveva chiesto alla Pagano di cacciare Pietro Caiazza. Ecco il resoconto delle intercettazioni più imporanti.

PUBBLICITA

Lello Mauriello: non comprensibile
Ciro: na stiamo punto e a capo perchè … a me prima … io prendeva a malo modo a lui invece lui aveva ragione … perchè il gruppo … dentro il gruppo non è lui
Rosaria:ha detto però .. .inc … nel gruppo … ha detto così? ha dett0 … no ….. .inc … dice che i guagliuni di… Lelluccio prendono tutti belle mesate … come ha detto?
Ciro:  i ragazzi di Lelluccio prendono belle mesate!?!…  e chi sono … chi sono?
Minorenne: ha detto …. ha detto …
Ciro: ma Pasquale ‘o scognato (ndr Palma Pasquale) vi risulta che i mille e cinque .. .inc … e glieli dava a Pasquale o scognat io non sapevo niente di questi mille e cinque ….
Minorenne: …’inc
Ciro: no…il padre…noi sapevamo che andavano alla mamma di coso … come si chiama ….
Claudio: Ciccio la .. .inc … (ndr ne cita il soprannome)
Ciro: la mamma di Ciccio la .. .inc … (ndr ne cita il soprannome) … quattro mesi non ha mai avuto una lira questa signora …. questi mille e cinque al mese dove andavano !?!? ora abbiamo saputo stamattina che glieli dava a ….
Mnorenne:  no ha detto che le paranze le avete fatte voi: .. perchè ….
Ciro: le paranze le abbiamo fatte noi???
Minorenne: aspetta come ha detto … ha detto se è … inc … che non mi porta le mesate …
Ciro: e chi prende come è fammi capire tu la lista la tieni tu
Claudio: inc…
Ciro: fagliela vedere … tu la tieni là …
Claudio: .. .inc … diciamo come dice lui la paranza di .. .inc … diciamo và
Rosaria: eh eh bravo
Ciro: la malavita la facciamo noi
Claudio:  la facciamo noi eh …
Ciro:  voi andavate a parlare con gli altri clan … voi stavate .. voi state contro i fratelli
Claudio: ‘qualsiasi coso si muoveva o Peppe o .. .inc .. .

Ad avvalorare la tesi del padre si aggiunge Lello che fa menzione di una partita di hashish motivo di altri dissapori con la famiglia. Ciro ribadisce che l’unico rimedio sarebbe un confronto con Pierino alla presenza di  Rosaria Pagano ed il figlio verso i quali Ciro, nelle sue parole, mostra, almeno alla loro presenza, tutta la riverenza riservata ai capi.
Ciro: ehm … senza offesa … ma .. .io non mi vergogno di dirlo io … io mi sono fatto prestare i soldi … Rosaria ma … inc … perchè … perchè già lo so come andava a finire me li davate e non ve li riprendevate e o me non mi piace questa cosa. La conversazione si sviluppa sempre sullo stesso argomento facendo riferimento ai vari contesti dove Pietro Caiazza ha dimostrato la sua propensione ad uscire dai ranghi e preferire i suoi interessi a quelli della famiglia. Rosaria sembra convenire alle parole di Ciro ma con Ciro non si scompone facendo intendere che la sua linea è quella della conciliazione.
Rosaria: eh io l’ho detto … Peppe stavi pure tu davanti … ho detto “Antonio prendi a tuo padre … andiamo io e tuo padre, tuo fratello sopra da inc … e andiamo a parlare
Ciro: Pietro vieni pure tu (ndr Ciro riferisce una qualcosa da riferire a Pietro Caiazza)
Rosaria: Peppe stavi pure tu? io gliel’ho detto… “io e tuo padre, io e tuo padre andiamo sopra da Ciro … ” (ndr
Rosaria riferisce un ‘esclamazione riportata verosimilmente al figlio di Pietro Caiazza)
Ciro: però si deve togliere dalla testa che si prende Melito e Mugnano … se lo deve togliere dalla testa!!!
Claudio:  gliel’ha detto
Ciro: questo se lo deve togliere dal cervello
Rosaria: gliel’ho detto … glie l’ho detto io …. e …
Ciro: ma noi non glielo dobbiamo dire al figlio … noi glielo dobbiamo dire a lui, Rosaria …
Rosaria: ha detto io …. viene interrotta
Ciro: si deve togliere da testa che mio figlio ha il gruppo suo … .lui ha il gruppo suo … si deve togliere da testa che i “guagliuni” suoi non si muovono … senza !permesso
Lello: io … zia (ndr appellativo utilizzato a dimostrazione di rispetto da Lello rivolgendosi a Rosaria Pagano) .. zia mandai a chiamare a Rosario … a Rosario … comunque lui mi disse “se Pierino non dice vai là io non vado!” (ndr Claudio, a conferma del fatto che Pierino pretende il controllo assoluto sugli uomini del suo gruppo, cita un episodio nel quale chiese a tale Rosario di recarsi in un posto ma questi negò la disponibilità se non comandato da Pietro Caiazzo, nomina anche Peppe ‘o Casalese}
Minorenne: no io non mi presento sopra le case se non mi manda Pierino
Ciro: … senza che mi manda lo zio Pierino” . .inc … (ndr Ciro riporta anch’egli quanto riferito da tale Rosario nella circostanza sopra citata)
Rosaria Pagano ribadisce che solo la conciliazione potrà sanare le fratture che comunque non fanno che danneggiare gli interessi dell’organizzazione e far salire le attenzioni delle Forze dell’Ordine:
Ciro: Totore mi ha domandato ha detto ” Ciro io non posso mai pensare .. .inc .. ” … gli ho detto “e hai detto bene … non lo devi mai pensare!” perchè nemmeno io … alla fine mi fanno schifo queste cose … quindi cosa ti ha fatto capire questo … cioè .. .la cosa
migliore … .però dovete decidere voi Rosaria!
Rosaria: no ma io voglio …. voglio … hai capito Peppe cosa dico … togliamo questa tarantella …
Ciro:  io glielo dico … io glielo dico io
Giuseppe:  la migliore soluzione per togliere la tarantella e per stare in grazia di Dio ….
Rosaria: bravo… perch è pure queste guardie … Peppe . .la stanno facendo troppo nera (ndr Rosaria Pagano si riferisce al fatto che queste fibrillazioni attirano a suo dire ulteriormente le attenzioni delle forze dell’ordine). .. troppo a mettere di nuovo tutte queste cose …
Ciro: Rosaria solo questo … dobbiamo fare così … io lo dico davanti a voi:… fate parlare me, poi se … io dico “Pierino, tutto quello che è successo, tutto quello che hai detto ….lasciamo stare .. .lasciamo perdere…. tu sei sicuro che s1amo stati noi a fare questa cosa? ma se vogliamo parloae di questa cosa… se non vogliamo parlare delle cattiverie che hai fatto … ”
Rosaria: va bene, quello ha detto … inc …

Ciro fa riferimento ad armi e dimostra la facilità di approvvigionamento che l’organizzazione ha di armi per soddisfare le esigenze del gruppo criminale. Nello specifico. rivolgendosi al rampollo di casa Amato, gli parla proprio di una borsa di armi, obiettivo di Pierino che bramava di impossessarsene.
Ciro: quello ha in testa una sola cosa … inc … carcerato per questa cosa … “la borsa delle armi… la borsa delle armi., la borsa delle armi … ” (ndr riporta un qualcosa come se fosse già stato riferito a terza persona) . ..inc …
Minorenne: no ha detto .. .inc … a casa di Veronica
Claudio: no ha detto l’hanno prese … da Michele
Ciro: da Michele?
Minorenne: con le pale in mano …
Ciro: si può sapere… Linuccio dice che le hanno sequestrate .. . Linuccio… le hanno sequestrate …
Claudio: ma quelle davvero sono state sequestrate .. .però qualcosa …. sono cose vecchie …
Rosaria: allora no …
Poi la discussione continua facendo riferimento al duplice omicidio di Alessandro Laperuta e Achir Mohamed Nuvo uccisi secondo le accuse dal figlio minore di Rosaria Pagano il 20 giugno della scorso anno a Melito.

Rosaria Federico

2.continua

@riproduzione riservata

googlenews
facebook


I FATTI DEL GIORNO

ULTIME NOTIZIE

TI POTREBBE INTERESSARE