Strage familiare: esorcismo per “liberali dai demoni”: arrestati anche due complici dell’imbianchino

SULLO STESSO ARGOMENTO

Strage familiare di Altavilla Milicia: l’imbianchino Giovanni Barreca ha sterminato la famiglia per “liberarla dal demonio”. Ha ucciso infatti la moglie, Antonella Salamone di 31 anni, e i due figli maschi, Kevin di 16 anni ed Emanuel di 3.

Il movente del delitto sarebbe l’ossessione religiosa. Barreca era convinto che la sua famiglia fosse posseduta dal demonio e per questo motivo ha compiuto un esorcismo di inaudita violenza.

I due figli sono stati strangolati con una catena, mentre la moglie è stata uccisa e il suo corpo carbonizzato nel giardino di casa.L’unica sopravvissuta è la figlia 17enne della coppia, che ha raccontato ai carabinieri l’accaduto.

Barreca si è consegnato ai carabinieri e ha confessato il delitto. Sono stati fermati anche due suoi amici, Sabrina Fina e Massimo Carandente, accusati di aver partecipato all’omicidio.

La coppia di amici, entrambi fanatici religiosi, avrebbe conosciuto Barreca durante incontri di preghiera in una chiesa evangelica. Avrebbero alimentato l’ossessione mistica dell’uomo e lo avrebbero istigato a uccidere la famiglia per “liberare la casa da presenze demoniache”.

La famiglia dell’imbianchino aveva difficoltà economiche

Si è scoperto che la famiglia stava vivendo gravi difficoltà economiche e che il marito maltrattava la moglie, originaria di Novara. L’imbianchino è accusato di triplice omicidio e soppressione di cadavere.

Anche la coppia di amici palermitani è stata fermata con l’accusa di aver partecipato all’omicidio. Le indagini sono coordinate dalla procura di Termini Imerese.

@riproduzione riservata

 



LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui




LEGGI ANCHE

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE