Camorra, imprenditore aveva aiutato il clan Polverino: sequestrati beni per 20 milioni di euro

SULLO STESSO ARGOMENTO

I Carabinieri di Roma hanno sequestrato beni per un valore complessivo di circa 20 milioni di euro a un imprenditore per aver favorito la latitanza di alcuni esponenti del clan Polverino.

Il provvedimento è stato emesso dal Tribunale di Roma, sezione misure di Prevenzione, su richiesta della locale Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia.

Il sequestro scaturisce da un’indagine condotta dai Carabinieri della Sezione Misure di Prevenzione del Nucleo Investigativo di Roma.

    L’indagine ha ricostruito il profilo e la carriera criminale dell’imprenditore, nonché individuato il suo ingente patrimonio, da ritenersi frutto di attività illecite.

    L’uomo è accusato di reati commessi sin dal 1996, tra cui usura, ricettazione, truffa, falsità, bancarotta, violazioni ambientali e favoreggiamento alla camorra.

    Tra i beni sequestrati vi sono 4 ville, un complesso industriale, 144 unità immobiliari, vari terreni, 11 società e 22 veicoli.

    @riproduzione riservata



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE