Stesa al Rione Sanità: colpi di pistola ai Miracoli

Napoli. Una nuova stesa di camorra è andata in...

Casoria, sfiduciato il Presidente del Consorzio cimiteriale Giuseppe Salzano

SULLO STESSO ARGOMENTO

Casoria. Sfiduciato il Presidente del Consorzio cimiteriale Giuseppe Salzano: si dimettono in cinque. E’ La seconda volta in pochi mesi che l’ex assessore della giunta Sollo viene messo alla porta.

PUBBLICITA

Ora la parola passa ai sindaci per la designazione del nuovo presidente e consiglieri. Una carriera politica, se così la si può definire quella di Salzano, che viene interrotta prematuramente. Stavlta a dare il là, i rappresentati consortili Pietrantonio, Sepe, Bianco, Galiero e D’Auria, che hanno protocollato all’attenzione dell’Assemblea Consortile composta dai Sindaci del Comune di Casoria Raffaele Bene, di Arzano Cinzia Aruta e Casavatore Luigi Maglione, le proprie irrevocabili dimissioni dalla carica di consiglieri del Cimitero tra i comuni di Arzano, Casoria e Casavatore.

I membri del CdA, “dopo una lunga e pacata riflessione – si legge-, tenuto conto del grave stallo di esercitare correttamente, lealmente, con competenza le funzioni assegnate per statuto al consiglio consortile, privato della possibilità di governare democraticamente attraverso i necessari confronti e dibattiti politico amministrativi nell’interesse della utenza e dei comuni consorziati.

Considerato altresì che taluni argomenti costituenti gli ordini del giorno non vengono più discussi o reiterati in riunioni successive, pur essendo stranamente attenzionati dalle minoranze consiliari di un Comune, lo stesso vale per il contenuto dell’ordine del giorno mai democraticamente composto attraverso il dialogo sulle argomentazioni condivise ma scelte autoritariamente calpestando i principi statutari sulle competenze dell’organo consiglio consortile.

Che tali circostanze più volte hanno procurato incomprensioni, frizioni e malumori ledendo la serenità di giudizio e di scelta, specie in riferimento a testi di provvedimenti già confezionati, in dispregio ai principi democratici di valutazione, riservata all’organo consiglio consortile”.

“Pertanto – conclude la missiva-, nel ringraziare i Sindaci dei Comuni Consorziati, per la fiducia concessa con l’onore di rappresentare l’interesse dell’organo a cui appartengono, con rammarico e convinto rispetto delle istituzioni, per le considerazioni esposte e per quanto disposto dall’art. 14 dello Statuto circa la decadenza del Consiglio, rassegnano le proprie irrevocabili dimissioni dalla carica di consiglieri consortili con effetto immediato”.

E’ la seconda volta in pochi mesi che Salzano, soprannominato lo “sceriffo” per le sue attività tutte avviate ma mai concluse, viene sfiduciato. Infatti, proprio diversi mesi fa i consiglieri consortili di Casoria Michele Bruno, Angelo Russo e Nunzio Sepe protocollarono una nota infuocata (poi trasmessa ai sindaci e al consiglio) in cui stigmatizzavano i comportamenti poco ortodossi di Salzano che oltre ad essere poco propenso alla condivisioni degli ordini del giorno e aver trasformato il cimitero in una Società per Azioni, avrebbe tentato di ingerire nella gestione del medesimo ente. Insomma, destino amaro pe Salzano che anche con l’ex sindaco Solo venne sfiduciato da assessore.

C.G.


LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

facebook

LEGGI ANCHE

googlenews

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA