🔴 ULTIME NOTIZIE :

Napoli, fermati 3 scafisti: erano a bordo della nave Ong Sea-Eye 4

Napoli. Stamane personale della Polizia di Stato e personale della Guardia di Finanza – Stazione Navale di Napoli hanno dato esecuzione ad un decreto di fermo di indiziato di delitto per il reato di concorso in favoreggiamento aggravato dell’immigrazione clandestina emesso stanotte dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale...

Camorra, strage delle Fontanelle: confermati i 5 ergastoli

Dopo tre ore e mezzo di camera di consiglio la seconda sezione della Corte di […]

strage fontanelle 5 ergastoli

    Dopo tre ore e mezzo di camera di consiglio la seconda sezione della Corte di Appello di Napoli (presidente Alfonso Barbarano, giudice a latere Davide Di Stasio) ha confermato la condanna all’ergastolo inflitta in primo grado il 4 giugno 2020 ad Antonio Genidoni.

    Era lui all’epoca il capo dell’omonimo gruppo camorristico dei “Barbudos”, figlio del boss defunto boss  del rione Sanità, Pierino Esposito: Massimo della pena anche per  la moglie di Genidoni, Vincenza Esposito, la madre Addolorata Spina e a Emanuele Salvatore Esposito e Alessandro Daniello.

    La condanna è stata inflitta a coloro che gli inquirenti ritengono i mandanti e gli esecutori materiali della cosiddetta “Strage delle Fontanelle”, scattata nel 2016, nel rione Sanità di Napoli, ai danni dei vertici del gruppo camorristico rivale dei Vastarella.

     2 morti e 3 feriti nell’assalto al circolo Maria Santissima dell’Arco al rione Sanità

    Il 22 aprile di quell’anno i killer dei “Barbudos” (così veniva soprannominato il gruppo Genidoni, per la lunga barba stile Isis dei suoi componenti) fecero fuoco nel circolo Maria Santissima dell’Arco, al civico 193 di via Fontanelle.

    A rimanere uccisi furono Giuseppe Vastarello e il cognato Salvatore Vigna. Rimasero feriti invece Dario Vastarella, Antonio Vastarella e Alfredo Ciotola, anche loro, come le due vittime, imparentati con il capoclan Patrizio Vastarella.

    L’agguato scattò nell’ambito di una sanguinosa faida avviata per il controllo dell’antico quartiere partenopeo della Sanità che aveva già fatto diverse vittime, come lo stesso boss Pierino Esposito (ucciso nel novembre 2015) e suo figlio Ciro, che aveva 21 anni.

    google news

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche

    A Pozzuoli al via ‘Rione Terra, oltre le mura’

    ''Rione Terra, oltre le mura" è il progetto varato dal Comune di Pozzuoli in collaborazione con l'Archivio di Stato di Napoli che ha l'obiettivo...

    Poste Italiane, offerta luce e gas da metà febbraio. Prezzo fisso per due anni

    Poste Italiane si prepara a fare il suo debutto ufficiale nel settore luce e gas con una nuova offerta che proporrà prezzi fissi e...

    Rrahmani: “Scudetto? Se continuiamo così sarà molto facile”

    Amir Rrahmani, difensore del Napoli, ha parlato ai microfoni di Sky Sport al termine della gara vinta sul campo dello Spezia. "Stiamo andando bene, speriamo...

    A Roccapiemonte vento abbatte albero, scuola chiusa 

    Le forti raffiche di vento che hanno sferzato nel fine settimana appena trascorso la provincia di Salerno hanno causato, intorno alle 6 di ieri...