🔴 ULTIME NOTIZIE :

Accerchiato e rapinato al rione Conocal: il video virale sui social

Accerchiato, minacciato e rapinato della sua auto: serata da incubo per un'automobilista al rione Conocal di Ponticelli. Le immagini dell'assalto di 4 banditi armati di pistola sono stati girati da una delle tante persone perbene che abitano nella zona e che sono costrette a vivere rintanate in casa per evitare...

Il “pene invernale” esiste davvero, la scienza lo conferma: “La lunghezza si riduce anche del 50%”

Spesso gli uomini meno dotati tendono a incolpare il freddo per le dimensioni poco fortunate […]

    Spesso gli uomini meno dotati tendono a incolpare il freddo per le dimensioni poco fortunate della propria virilità, ma la scienza potrebbe ora spezzare una lancia in favore di queste asserzioni. A indagare l’effetto delle temperature più fredde sul pene e sui testicoli uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Leeds e del Queen Elizabeth Hospital di Birmingham. Il gruppo di ricerca, guidato da Oliver Kayes e Richard Viney, ha considerato il restringimento dei corpi cavernosi del sesso maschile che si verifica in conseguenza del calo di temperatura. Questa riduzione delle dimensioni, rassicurano gli esperti, rappresenta una normale risposta fisiologica dell’organismo, non provoca danni permanenti ed è solo temporanea. “Quando il corpo sente freddo – afferma Viney – si verifica una serie di reazioni volte a proteggere gli organi interni. Questo si traduce nel restringimento dei vasi che raggiungono la pelle, il che impedisce al sangue freddo di rifluire nel corpo e causare un abbassamento di temperatura intorno agli organi vitali”. Tale processo, noto come vasocostrizione, può portare anche a una diminuzione dei tessuti. Pene e testicoli, confermano gli esperti, non costituiscono un’eccezione.

    Sebbene gli effetti della vasocostrizione siano piuttosto controversi, urologi ed esperti di salute sessuale hanno stimato che le temperature più fredde possono ridurre la lunghezza del pene fino al 50 per cento. “La percezione del freddo – commenta Kayes – provoca una riduzione del flusso sanguigno nelle estremità corporee, come il naso, le dita dei piedi e delle mani o, appunto, il pene. Ciò spiega perché queste zone sono più vulnerabili al congelamento quando ci si trova in condizioni meteorologiche estreme”. “In generale – osservano gli scienziati – se un uomo dovesse trovarsi nudo a temperature sotto lo zero sperimenterebbe una contrazione dello scroto, il sacco che contiene i testicoli e del pene. Questo avviene perché il muscolo si muove per avvicinare i testicoli al corpo ed evitare che si raffreddino eccessivamente. Si tratta di un riflesso assolutamente naturale, che verrebbe invertito semplicemente con un bagno caldo o attraverso un’erezione”.

    Tra le possibili conseguenze negative di questa esperienza, gli esperti riportano la possibilità che la diminuzione del flusso sanguigno ai genitali possa provocare attrito con la biancheria intima, causando disagio fisico. “Una riduzione da lieve a moderata delle dimensioni della virilità – osserva Kayes – può causare difficoltà nel raggiungere l’erezione, piuttosto comune nei soggetti con problemi cardiovascolari. Condizioni più serie dovute a traumi, infezioni, vasculiti, temperature estreme o iniezioni di droghe illecite possono causare ischemia, cancrena, autoamputazione o perdita di tessuto”. Il semplice restringimento del pene dovuto alla percezione di temperature più fredde, però, è molto lontano da queste conseguenze drastiche. Per rassicurare la popolazione maschile, gli scienziati raccomandano tre strategie di difesa per proteggersi dal “winter penis”. “Per ridurre al minimo gli effetti del calo delle temperature sulla propria virilità – conclude Kayes – consigliamo di coprirsi bene, di restare sessualmente e fisicamente attivi. Non appena la temperatura migliora, infatti, i genitali maschili tendono a tornare alle condizioni normali. Non c’è da preoccuparsi di conseguenze a lungo termine”.

    Continua a leggere

    google news

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche

    Napoli, denunciati i parcheggiatori abusivi della movida

    Ieri, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”, gli agenti dei Commissariati San Ferdinando, Decumani, Montecalvario, Vomero e i...

    Perché si vendono online così tanti test Antidroga

    Si chiedono risposte rapide su quesiti relativi a problemi di abuso di sostanze stupefacenti oppure relative al proprio stato di salute. C’è una polemica che...

    Ischia, denunciato un uomo appena sbarcato sull’isola

    Ieri pomeriggio gli agenti del Commissariato di Ischia, durante il servizio di controllo del territorio, hanno controllato in via Iasolino presso la banchina Redentore...

    Salerno, 68enne muore in ospedale durante una tac: interrogazione FDI

    "Nella sanità di De Luca si conoscono drammi come quello accaduto la settimana scorsa: un sessantottenne giunto all'ospedale Ruggi di Salerno con propria auto...