Processo per il raid a via dei Tribunali. Il titolare di Cala la Pasta: “Non ho paura”

Prima udienza del processo per il raid a via dei Tribunali. Il titolare di Cala la Pasta: “Le mie denunce hanno dato fastidio ma non ho paura”. Borrelli: “Raffaele non va lasciato solo ma bisogna farne un esempio. Il centro storico va liberato dai clan e dalla criminalità.” Nell‘aula 111 del Tribunale di Napoli è […]

google news

Prima udienza del processo per il raid a via dei Tribunali. Il titolare di Cala la Pasta: “Le mie denunce hanno dato fastidio ma non ho paura”. Borrelli: “Raffaele non va lasciato solo ma bisogna farne un esempio. Il centro storico va liberato dai clan e dalla criminalità.”

Nell‘aula 111 del Tribunale di Napoli è in corso la prima udienza di “incidente probatorio” per acquisire dichiarazioni di vittime e testimoni sul raid di via dei Tribunali dello scorso maggio quando la moglie di Raffaele Del Gaudio, titolare del ristorante “Cala la pasta”, fu investita da una moto lanciata a folle velocità e subito dopo un gruppo di persone aveva minacciato titolare e dipendenti del ristorante portando via con la forza la motocicletta.

Come racconta La Repubblica, Del Gaudio ha ricostruito i fatti quella sera e puntando il dito contro chi lo aveva minacciato, Luigi Capuano, uno dei 9 indagati rinchiusi in gabbia. Il ristoratore ha affermato che dopo la vicenda è stato avvicinato da persone del luogo infastidite dal clamore mediatico delle sue denunce- “Non ho cambiato le mie abitudini. Non ho paura di nessuno” – avrebbe confessato Del Gaudio.

LEGGI ANCHE  Nuovo record di casi covid in Italia: oggi 23.195

Il guidatore della moto, Gennaro Vitone, è agli arresti domiciliari mentre è in cella Patrizio Bosti jr indagato per aver preso parte alla minacce per portare via il ciclomotore dal luogo del raid.

“Per parlare di giustizia questo processo non potrà che concludersi con condanne severe e lunghe per tutti gli imputati. Ma la questione non dovrà terminare lì, il centro storico deve essere liberato dai clan e della criminalità che come una sanguisuga si è aggrappata al flusso economico generato dal turismo. A Raffaele va tutta la nostra solidarietà ed i nostri sostegno, come abbiamo già dimostrato con i fatti. Chi denuncia non deve essere lasciato solo ma diventare un esempio da seguire, un leader, una guida per tutti, solo così ci si potrà liberare davvero da quel cancro chiamato camorra.”- le parole del Consigliere Regionale di Europa Bere Francesco Emilio Borrelli.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

Napoli,  la funicolare di Chiaia chiude dal primo ottobre

I 15.000 passeggeri che utilizzano la funicolare di Chiaia resteranno appiedati

Premio Strega Ragazze e Ragazzi, le terne finaliste

Premio Strega Ragazze e Ragazzi, le terne finaliste. Vincitori a Fiera Più Libri Più Liberi dal 7-11 dicembre a Roma Sono state annunciate, dal Comitato...

Napoli, piove in corsia al Vanvitelli: operatori e sindacati protestano

La pioggia intensa di questi giorni ha colpito anche il reparto di Ostetricia e Sala parto

Maltempo, riattivata la linea Fs tra Potenza ed Eboli

La linea ferroviaria era stata sospesa stamane a causa dell'allerta meteo rossa in Basilicata

IN PRIMO PIANO

Pubblicita