Eboli, veterinario denuncia la “malagestione” dei pitbull che hanno ucciso il bambino

SULLO STESSO ARGOMENTO

Federico Coccia, veterinario romano, ha espresso la sua profonda amarezza per la tragica morte del bambino di 13 mesi a Eboli, azzannato da due pitbull. Secondo l’esperto, la responsabilità è unicamente del proprietario dei cani, colpevole di una “pessima gestione” degli animali.

“Se nel caso drammatico del piccolo morto a Eboli si attaccano i cani vuol dire che c’è molta ignoranza e mancanza di conoscenza su questi animali”, ha dichiarato Coccia. “Non ci sono razze pericolose, ma c’è la pessima gestione dei cani”.

Il veterinario sottolinea che la taglia non è un fattore determinante nell’aggressività di un cane: “Ci sono cani di taglia grande, media e piccola: se ti morde il primo ti fa molto male e puoi rischiare anche la vita, se ti morde il secondo o il terzo no”.

    “La responsabilità è unicamente del proprietario che si è macchiato di malagestione”, ha ribadito Coccia. “Non ha dato regole e misure ai pitbull che sono stati messi in un giardino a fare la guardia. E inoltre non li ha curati: questi cani non conoscono il limite tra il bene e il male, tra una carezza e una aggressione ad un bambino. Sono stati lasciati a loro stessi: una gravissima responsabilità”.

    Secondo l’esperto, cani come i pitbull, di quella “taglia e potenza”, vanno tenuti “assicurati all’interno di un’area ben delimitata e che non possano uscire da quello spazio”. Ma soprattutto, “dobbiamo smetterla di considerare questi animali come ‘da guardia’ per un giardino o un terrazzo. Non sono guardie, ma amici e componenti della famiglia”, ha avvertito Coccia. “Vanno educati con regole e dobbiamo passare del tempo con loro, amarli e non chiuderli in un recinto per ringhiare e far paura agli estranei”.

    L’episodio di Eboli è un monito per tutti i proprietari di cani, in particolare di razze considerate “pericolose”. È necessario prendersi cura degli animali con amore e responsabilità, educandoli con regole chiare e non lasciandoli liberi di vagare senza controllo.



    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    Riciclaggio a Firenze, l’avvocato: “Pino Taglialatela estraneo”

    Giuseppe Taglialatela, ex portiere del Napoli, noto come "Batman"...
    DALLA HOME

    Riciclaggio a Firenze, l’avvocato: “Pino Taglialatela estraneo”

    Giuseppe Taglialatela, ex portiere del Napoli, noto come "Batman" e Alessandro Bigi, presidente dell'Ischia Calcio, sono tra gli indagati per un'inchiesta della Procura antimafia di Firenze su un presunto giro di riciclaggio di denaro. Secondo gli inquirenti, Bigi e Kamami, un albanese di 40 anni, sarebbero i capi di un'organizzazione...

    ULTIME NOTIZIE

    TI POTREBBE INTERESSARE