soresa
Pubblicitasoresa

Pianura, la mamma di Andrea Covelli: “Ridatemi mio figlio”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli. La voce di Rosaria Vicino ripete come un refrain senza musica: “Ridatemi, mio figlio, era un bravo ragazzo, non ha alcun legame con la camorra. Ridatemi mio figlio Andrea vico o morto. Sto vivendo un incubo”.

Lo ha ripetuto ieri ai giornalisti accorsi in via Napoli a Pianura, zona d alto tasso criminale dove si è svolta una manifestazione per chiedere la liberazione di Andrea Covelli,  il ragazzo di Pianura, che lavorava come dipendente di un autolavaggio, è scomparso nella notte tra martedì e mercoledì scorso. Poche persone in strada ma molto rumorose accompagnate dalla polizia e dalla presenza del consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli.

La pista investigativa porta a una vendetta traversale nell’ambito della sanguinosa faida di camorra che da mesi sta coinvolgendo i clan di Pianura, Soccavo e del rione Traiano.


    La mamma del 27enne scomparso è la sorella di Antonio Vicino detto “Tonino lemon”, ras di Fuorigrotta ucciso in un agguato di camorra nel 2000. Antonio, fratello di Andrea, in passato è stato accostato agli ambienti dei Carillo-Perfetto. Due anni fa fu arrestato per droga, poi non ha avuto più problemi con la giustizia. E proprio questo aver tagliato i ponti con il gruppo dei Carillo-Perfetto, in contrasto con gli Esposito-Marsicano-Calone, avrebbe portato al rapimento di Andrea Covelli.

    La mamma ha raccontato come le immagini di due telecamere della zona dove è avvenuto il sequestro mostrano il momento in cui è stato costretto a cedere lo scooter. “Era uscito per comprare dei cornetti per un’amica e non è più tornato: stiamo vivendo un incubo, rivoglio mio figlio vivo o morto”.

    La donna spiega che Andrea era fermo, in sella al suo scooter, in attesa che si presentasse la sua amica, quando è stato affiancato da un altro scooter sul quale c’erano 2 persone. “A vedere le immagini sembrava una rapina, gli hanno preso il telefono e il portafogli. Poi il passeggero si è messo alla guida della moto di mio figlio di Andrea e l’altro se l’è caricato sulla sua. Poi si è persa ogni traccia”.


    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui



    LEGGI ANCHE

    Incendio nella nuova trattoria Nennella: inaugurazione rinviata

    Nennella ha trovato spazio nelle più note guide alla buona cucina, per un menu saldamente ancorato alla tradizione partenopea. Si spera ora che l'apertura della nuova sede possa avvenire nei prossimi giorni, e comunque entro le feste di Natale

    IN PRIMO PIANO