google news

Salerno, detenuto con Covid tenta la fuga durante visita in ospedale: preso

Un detenuto del carcere di Fuorni positivo al Covid ha approfittato di una vista in […]

PUBBLICITA

Un detenuto del carcere di Fuorni positivo al Covid ha approfittato di una vista in […]

Un detenuto del carcere di Fuorni positivo al Covid ha approfittato di una vista in ospedale per tentare di fuggire: e’ successo ieri sera a Salerno dove l’uomo e’ stato inseguito e bloccato dagli agenti uno dei quali rimasto anche contuso durante la colluttazione.

I medici dell’ospedale Ruggi di Salerno che li hanno visitati li hanno giudicato guaribili in venti giorni i traumi alla spalla e al ginocchio che gli sono stati riscontrati. A darne la notizia è il segretario regionale Osapp, Vincenzo Palmieri.

“Oramai questi episodi sono all’ordine del giorno e non per colpa della Polizia Penitenziaria ma di un’amministrazione sempre più distratta alle sollecitazioni sindacali e alle possibili soluzioni per ridurre questi e tanti altri fenomeni che si stanno registrando che impattano negativamente sulla sicurezza muraria e intramuraria”, dice Palmieri.

E poi aggiunge: “Incremento personale di polizia, reparti detentivi presso ospedali per piantonamenti in sicurezza e non nelle corsie, occorre salvaguardare ordine pubblico,limitazione visite e ricoveri non urgenti presso i luoghi di cura attraverso protocollo ASL e amministrazione, potenziare scorte per servizi esterni.

Come Osapp continueremo a sollecitare i vertici amministrativi affinché prestano maggior attenzione verso un istituto complesso come quello di Salerno con l’assegnazione definitiva anche di un comandante perché per troppi anni nonostante le vicessitudini di un recente passato è stato considerato sempre di seri B.

Il personale tutto, direttore e comandante ff sono stremati al limite della sopportazione. Chiediamo inversione di rotta per ristabilire un contesto sereno e sicuro dentro e fuori per poter soddisfare trattamento, sicurezza e diritti soggettivi”. 

“Troppe volte – sottolineano Ciro Auricchio e Giuseppe Del Sorbo, rispettivamente segretario regionale e nazionale dell’Unione dei Sindacati di Polizia Penitenziaria – abbiamo denunciato le criticita’ del carcere salernitano come lo stato di abbandono in cui versa la polizia penitenziaria.

Ribadiamo, per l’ennesima volta, che la carenza di organico limita il buon esito del servizio. Esprimiamo solidarieta’ al personale del carcere di Salerno il quale, nonostante le gravi difficolta’ in cui opera, con grande spirito di sacrificio e senso di appartenenza, continua ad assicurare i propri compiti istituzionali”.

“Per fronteggiare queste criticita’ esterne – concludono Auricchio e Del Sorbo – sarebbe stato utile lo ‘storditore elettrico’, il cosiddetto taser, che va dato in dotazione anche agli agenti della Polizia Penitenziaria”.

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

spot_img

Meteo Napoli, stop al caldo e il “Fantasma Atlantico” minaccia il Ferragosto

Meteo Napoli, stop al caldo e "Fantasma Atlantico" minaccia il Ferragosto anche se i meteorologi spiegano che i temporali di mezzaestate dovrebbero riguardare soprattutto...
PUBBLICITA

LE ULTIME NOTIZIE

TREND NEWS

Napoli, imprenditore del Nord a Francesca: “Ti pago il viaggio, ma devi imparare a comportarti”

Napoli. "Devi imparare a venderti meglio, devi imparare a comportarti con gli imprenditori in modo completamente diverso". Le parole dell’imprenditore Gian Luca Brambilla che...

Pianura, il cadavere ritrovato è di Andrea Covelli: ma la famiglia non ha voluto riconoscerlo

E' di Andrea Covellii il cadavere ritrovato nel tardo pomeriggio nelle campagne di Pianura anche se la famiglia non ha voluto riconoscerlo. Sul cadavere, in...

Mezzo pesante si ribalta, code sulla Caserta-Salerno

Mezzo pesante si ribalta, code sulla Caserta-Salerno. Chiuso al traffico tratto tra Palma Campania e Nola E' stato temporaneamente chiuso al traffico il tratto compreso...

CRONACA DI NAPOLI

Lettere, spagnola salvata dal suicidio

I Carabinieri trovano un chilo e mezzo di cocaina nella camera d'albergo dove si era trattenuta e arrestano un 46enne pregiudicato di Scafati e una venezuelana
spot_img