Uno e’ tossicodipendente e l’altro ludopatico: e cosi’ la frenesia di ricerca di danaro per soddisfare le loro dipendenze, li ha spinti verso quella rapina.

Durante l’udienza di convalida, hanno confessato entrambi i due uomini di 46 e 29 anni, il primo di e il secondo originario di Aversa, nel Casertano, ma domiciliato a Ravenna, arrestati nella tarda mattinata di lunedi’ dalla polizia per tentata aggravata in concorso, poco dopo avere tentato di svaligiare l’ufficio postale di via Pola.

LEGGI ANCHE  Il sindaco chiede il green pass agli assessori
ADS

I due, difesi dall’avvocato bolognese Stella Pancari, hanno anche ammesso ulteriori colpi a uffici postali e istituti bancari commessi negli ultimi mesi a con tecnica analoga, in totale cinque tra messi a segno e solo tentati secondo i sospetti maturati nel corso delle verifiche della squadra Mobile.

La difesa ha chiesto i domiciliari: il Gip Andrea Galanti si e’ riservato la decisione.



Collaboratore di lunga data di Cronache della Campania Da sempre attento osservatore della società e degli eventi. Segue la cronaca nera. Ha collaborato con diverse redazioni.

Castellammare, la condanna di Greco scatena le opposizioni contro il sindaco

Notizia precedente

Vigilante ucciso a Napoli, i figli: “No a riduzioni di pena per gli assassini”

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..