Rider scooter condannati



Lo inseguirono e poi lo presero a claci e pugni. Volevano lo che lui usava per consegnare le pizze in giro per la città a Napoli.

Quell’azione così brutale compiuta nella notte tra il 1 e il 2 gennaio scorso in via Calata Capodichino a Capodichino fu ripresa da un passante con lo smartphone.

ADS

Il video del rider malmenato e poi investito da uno dei rapinatori in sella a un altro fu pubblicato sui social e fece il giro del web in poche ore. Una settimana dopo la gang fu arrestata. Erano tutti giovani, quattro minorenni e due maggiorenni, tutti residenti tra il quartiere di Scampia e il comune dell’hinterland partenopeo di Casoria.

LEGGI ANCHE  'Nudarsi', la raccolta di poesie di Rita Felerico

Poco prima del ‘colpo’ ai danni del rider 50enne, ex macellaio disoccupato che ‘faticava’ con il mezzo prestattogli dalla figlia, avevano messo a segno un’altra rapina. Sempre con le stesse modalita’.

Tre baby rapinatori sono stati condannati a 4 anni e 8 mesi ieri dal giudice del tribunale dei Minori parenopeo; il quarto imputato, che risponde solo di una rapina, ha incassato 3 anni e 4 mesi. Tutti sconteranno la in una comunità di recupero in cui erano già dall’arresto.

I maggiorenni, Vincenzo Zimbetti e Michele Spinelli, nel luglio scorso sono stati condannati dal gup del tribunale di Nord, con il rito abbreviato, a 10 anni di reclusione.



Esperto in diritto Diplomatico e Internazionale. Lavora da oltre 30 anni nel mondo dell’editoria e della comunicazione. E' stato rappresentante degli editori locali in F.I.E.G., Amministratore di Canale 10 e Direttore Generale della Società Centro Stampa s.r.l. Attento conoscitore della realtà Casertana.

Sgomberate le villette dei Casamonica a Roma: andranno ai carabinieri

Notizia precedente

Torre del Greco, picchia la mamma per soldi: arrestato

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..