HomeCronaca GiudiziariaDroga, Vincenzo Starita il broker che gestiva il traffico tra Scafati e...

Droga, Vincenzo Starita il broker che gestiva il traffico tra Scafati e Castellammare

Ecco i nomi degli undici arrestati dalla squadra mobile di Salerno nell'ambito di un'indagine della Dda sul traffico di stupefacenti tra Scafati, Castellammare e l'hinterland vesuviano
google news
polizia salerno starita
polizia salerno starita

Traffico di droga tra Scafati, Salerno e l’hinterland napoletano: in cella capi e gregari.

Era lo scafatese Vincenzo Starita, alias ‘a strega, il capo dell’organizzazione criminale che gestiva una fiorente piazza di spaccio a Scafati e nei comuni dell’hinterland napoletano sgominata dalle indagini della Squadra mobile di Salerno, coordinate dalla Dda salernitana, che stamane ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare a carico di undici persone.

blitz polizia notte
blitz polizia notte

Secondo la procura, Starita – insieme ai propri sodali, ha intrattenuto stretti rapporti con la criminalità locale e con organizzazioni criminali estere – riuscendo ad organizzare trasporti di ingenti quantitativi di sostanza stupefacenti provenienti dalla Spagna e dai Paesi Bassi.

Durante le complesse indagini è stata acquisita una considerevole mole di riscontri ed elementi di prova nei confronti dei soggetti coinvolti nel traffico di stupefacenti e in particolare il meccanismo criminale dell’acquisto, trasporto, detenzione, distribuzione e cessione della droga in particolare cocaina, crack, hashish e marijuana.

VINCENZO STARITA FACEVA DA BROKER PER I  CLAN

Vincenzo Starita, ritenuto il capo del sodalizio criminale – già coinvolto in passato in procedimenti giudiziari per traffico di stupefacenti – secondo gli inquirenti ha promosso, finanziato, diretto ed organizzato l’attività provvedendo in particolare ad organizzare l’approvvigionamento di cocaina e hashish, fungendo da vero e proprio broker per gli acquisti e intessendo alleanze criminali locali e con organizzazioni estere, in particolare spagnole.

 

Stamane gli agenti della Squadra Mobile di Salerno hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Giudice delle Indagini Preliminari del Tribunale di Salerno, nei confronti di 11 persone, accusate a vario titolo di associazione a delinquere finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Ucciso a 20 anni al posto dell’amico camorrista: chiesto l’ergastolo

Lo sviluppo dell’attività d’indagine, condotta da questa Squadra Mobile e coordinata dalla Procura antimafia della Repubblica di Salerno, ha consentito di acclarare l’esistenza di un sodalizio criminale in grado di gestire il traffico di droga su un ampio territorio, principalmente su Salerno, Scafati e nella zona vesuviana dell’hinterland napoletano, ed in stretto rapporto con gruppi delinquenziali presenti nell’agro-nocerino-sarnese nonché con associazioni criminali attive a livello internazionale.

Nel corso di indagini sono state arrestate due persone con ingenti sequestri di stupefacente. In particolare, il 14 aprile del 2018 fu arrestato Mario Miranda che trasportava a bordo di un camion 630 chilogrammi di hashish, accuratamente nascosta all’interno di un rimorchio.

Due mesi dopo il 16 giugno 2018 fu invece fermato Luigi Canfora che trasportava 11,059 chili di cocaina.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Importava droga dalla Spagna nei camion dell’insalata: 10 anni di carcere al narcos Liberato Spera

La combinazione degli elementi raccolti ha consentito di ritenere per tutti gli indagati la grave piattaforma indiziaria e di emettere la misura cautelare

In carcere sono finiti:
1. STARITA Vincenzo, 41 anni di Scafati
2. SPERA Liberato, 58 anni di Castellammare di Stabia
3. MIRANDA Mario, 42 anni di Castellammare;
4. TUFANO Giovanni, 42 anni di Scafati;
5. BONAVOLTA Mariano, 46 anni di Napoli
6. BONAVOLTA Salvatore, 36 anni di Napoli
7. ROMITO Francesco, nato in Germania 39 anni

Ai domiciliari:
8. CANFORA Luigi, 70 anni di Gragnano
9. COZZOLINO Luigi, 39 anni di Boscoreale, custodia cautelare degli arresti domiciliari;
10. MUCERINO Biagio, 45 anni di San Giuseppe Vesuviano

Al momento, è irreperibile e ricercato un indagato destinatario della misura cautelare della custodia in carcere.

 Rosaria Federico

Redazione Cronache
Redazione Cronachehttps://www.cronachedellacampania.it
Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news
spot_img

Leggi anche

Calcio Napoli, azzurrri a Dimaro e il sindaco vieta l’uso dei droni

Calcio Napoli , vietato l'uso dei droni a Dimaro. Il motivo è semplice: nella località trentina c'è il ritiro del Napoli e bisogna salvaguardare...

Covid in Italia, 94.165 nuovi casi: in Lombardia contagi come nella prima ondata

Continua a salire la curva covid in Italia con 94.165 nuovi casi Covid nelle ultime 24 ore, contro gli 83.555 di ieri ma soprattutto...

Napoli, evade e aggredisce i poliziotti al rione Vasto: arrestato

Napoli, evade e aggredisce i poliziotti al rione Vasto: arrestato 63enne napoletano. Ieri pomeriggio i Falchi della Squadra Mobile, nel transitare in via Brindisi, hanno...

Avellino, sequestrati prodotti cosmetici non conformi per la vendita

Avellino, sequestrati prodotti cosmetici non conformi per la vendita e dannosi per la salute. Nell’ambito di mirati servizi predisposti dal Comando Provinciale di Avellino a...

CRONACHE TV

spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita