CRONACA NAPOLI CRONACA NERA CRONACA CAMPANIA CRONACA GIUDIZIARIA
I fatti del giorno

La ‘maledizione’ di Gomorra, comparsa della seconda serie arrestato nel blitz antidroga

la ‘maledizione’ di gomorra



La ‘maledizione’ di Gomorra, comparsa della seconda serie arrestato nel blitz antidroga della Guardia di Finanza di Napoli

Ha interpretato il ruolo del “palo” (detto in gergo “specchiettista”) nell’episodio 11 di “Gomorra 2 la serie”, Carlo Cuccia, 40enne di Tradate in provincia di Varese che figura tra le persone arrestate dalla Guardia di Finanza di Napoli (Gico e Nucleo di Polizia Economico Finanziaria) nell’ambito dell’indagine della DDA che ha consentito di sgominare tre gruppi di narcotrafficanti tra Torre Annunziata e nei quartieri napoletani Scampia e Secondigliano. Secondo quanto emerso dalle indagini, Cuccia, era il referente italiano dei fornitori di droga spagnoli per conto della famiglia di narcotrafficanti Dannier di Secondigliano.

LEGGI ANCHE  Picchia fratello con un bastone per i soldi: arresto a Procida

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Blitz anti droga tra Napoli, Torre Annunziata, Sicilia, Piemonte e Lombardia. IL VIDEO

Il gruppo per il quale Carlo Cuccia lavorava, quello dei Dannier, si e’ separato dalla famiglia Manzi, dopo un periodo di collaborazione cessato a causa di un importante sequestro di hashish avvenuto porto di Genova, ben 294 chilogrammi di sostanza stupefacente. Da quel momento le due famiglie, secondo quanto gli investigatori del Gico e del Nucleo di Polizia Economico Finanziaria della Guardia di Finanza di Napoli (coordinati rispettivamente dal tenente colonnello Danilo Toma e dal colonnello Domenico Napolitano) hanno iniziato a sviluppare rapporti per conto proprio con i narcotrafficanti stranieri.

Armando Manzi (anche lui tra gli arrestati) era in rapporti con i narcos colombiani: ha organizzato il trasferimento di una importante partita di cocaina dal porto di “Buenaventura” (dal quale prende il nome l’operazione) che, stipata in alcuni container, sarebbe dovuta arrivare nel porto spagnolo di Algeciras, dove il gruppo criminale godeva della complicita’ di alcuni operatori portuali “infedeli”, incaricati di recuperare lo stupefacente. Anche questa operazione pero’, non ando’ in porto.


Google News

Il nuovo arcivescovo di Napoli incontra una ragazza vittima sfruttamento e un operaio Whirlpool

Notizia precedente

Accusato di fare da ‘portavoce’ del boss Contini: archiviata l’inchiesta sull’avvocato Chiummariello

Notizia Successiva



CAMBIA IMPOSTAZIONI GDPR
ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Ogni mattina una mail con le ultime notizie della giornata. E’ GRATIS