E’ uno studente 21enne l’assassino dell’arbitro De Santis e della fidanzata

E’ uno studente 21enne l’assassino dell’arbitro De Santis e della fidanzata. Il fermato per l’omicidio dell’arbitro Daniele De Santis e della fidanzata Eleonora Manta, avvenuto la sera del 21 settembre a Lecce, è Antonio De Marco, un 21enne originario di Casarano, nel Leccese, studente di Scienze infermieristiche. Lo ha detto il procuratore di Lecce Leonardo […]

google news

E’ uno studente 21enne l’assassino dell’arbitro De Santis e della fidanzata.

Il fermato per l’omicidio dell’arbitro Daniele De Santis e della fidanzata Eleonora Manta, avvenuto la sera del 21 settembre a Lecce, è Antonio De Marco, un 21enne originario di Casarano, nel Leccese, studente di Scienze infermieristiche. Lo ha detto il procuratore di Lecce Leonardo Leone De Castris. Il giovane  viveva in una casa in affitto ed e’ stato per un periodo “coinquilino” delle vittime.

“L’unica cosa che non è stato possibile ricostruire secondo l’impostazione accusatoria è il movente, è solo parzialmente ricostruito”, ha spiegato De Castris, “è per questo che ci siamo attenuti unicamente a dati tecnici, allo sviluppo di elementi oggettivi”. “Il lavoro di polizia giudiziaria è stato brillantissimo, non esagero”, ha rimarcato. Il giovane è stato incastrato grazie a un biglietto perso sul luogo del delitto.

“È stato trovato un bigliettino nell’immediatezza dei fatti, si è stabilito che era stato perso dall’aggressore, e questo ha dato la possibilità di comparare la grafia”, ha spiegato ancora De Castris. Si è appurato che De Marco era stato coinquilino nei mesi precedenti di De Santis, verosimilmente fino all’agosto scorso De Marco e’ originario di Casarano. Il procuratore della Repubblica di Lecce, Leonardo Leone De Castris, nel corso del breve incontro con i giornalisti organizzato all’esterno della sede del comando provinciale dei carabinieri di Lecce, ha aggiunto che tutto lascia pensare a una azione ampiamente premeditata, sulle cui motivazioni si sta ancora tentando di fare chiarezza. Non vi e’ stata ancora una confessione da parte del presunto responsabile del duplice omicidio messo in atto con particolare efferatezza, che ha sconvolto la comunita’ salentina.

LEGGI ANCHE  Santa Maria la Carità, aveva 4 chilogrammi di hashish in casa: arrestato

“Sicuramente c’è stata una fortissima premeditazione e questo è rinvenibile sia dalle attività di ispezione che il soggetto ha fatto nei giorni precedenti e anche il giorno dell’episodio, sia dall’esame del bigliettino, dei famosi 5 foglietti, dove non soltanto vi è uno studio dell’itinerario da seguire per evitare le telecamere e agire in sicurezza, ma vi è anche la programmazione delle modalità dell’azione omicidiaria, che sarebbe dovuta essere preceduta anche da un’attività preliminare prodromica all’omicidio. Ciò che è stato rinvenuto nell’abitazione, le striscette stringitubo e altro materiale, ci indicano questa pista e ci fanno propendere per l’ipotesi che l’omicidio dovesse in realtà essere una rappresentazione anche per la collettività”. Lo ha detto il procuratore di Lecce Leonardo Leone De Castris.

google news

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

Leggi anche

L’aumento del gioco online a squadre

I giochi di squadra sono sempre stati popolari in Italia. Dalle feste comandate trascorse sfidandosi a Tombola e Mercante in fiera, fino alle serate...

Circumvesuviana, interrotta tratta tra San Giuseppe ed Ottaviano

Ennesimo guasto e disservizi per la Circumvesuviana. Problemi alla linea aerea

Covid in Campania, una nuova vittima, risalgono i ricoveri

Sono 564 i nuovi positivi al Covid in Campania,  di cui 523 positivi all'antigienico e 41 al molecolare

Omicidio di Avellino, i fidanzati assassini si scambiavano 800 messaggi al giorno

Ripartito il processo a carico di Elena Gioia e Giovanni Limata che nel 2021 uccise a coltellate Aldo Gioia, padre della ragazza

IN PRIMO PIANO

Pubblicita