Seguici sui Social

Benevento e Provincia

Caccia alla pantera nel Beneventano: aumentano le segnalazioni dei cittadini

PUBBLICITA

Pubblicato

il



Continua la caccia alla pantera: dopo gli avvistamenti di ieri, oggi si è passato alla fase operativa. Non sono mancate ulteriori segnalazioni, mentre i carabinieri della forestale hanno portato avanti la fase operativa. Stamattina sono partite le ricerche da parte dei carabinieri della forestale insieme ai volontari della protezione civile di Torrecuso.

Sono state segnalate alcune impronte relative ad un animale di grossa taglia, sono state effettuate misurazioni e foto e i dati sono stati presi in carico dai carabinieri per effettuare dei confronti. Seguiranno ulteriori indagini.
Intanto questa mattina è stato impossibile, causa maltempo, far alzare i droni per un monitoraggio dall’alto della zona. Ieri sera, il primo cittadino di Torrecuso, Angelino Iannella, ha ricevuto altre tre segnalazioni che impongono la massima allerta nei confronti della situazione.



Continua a leggere
Pubblicità

Benevento e Provincia

Abusi sessuali su nipote minorenne: arrestato 60enne in provincia di Benevento

Con l’accusa di aver abusato della nipote minore è stato arrestato un 60enne della provincia di Benevento.

Pubblicato

il

foto dal web

Abusi sessuali su nipote minorenne: arrestato 60enne in provincia di Benevento

Con l’accusa di aver abusato della nipote minore è stato arrestato un 60enne della provincia di Benevento. Gli agenti della Squadra mobile della Questura sannita, coordinati dai magistrati della locale procura, hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere per violenza sessuale pluriaggravata in danno della giovane, minore di 16 anni. Le indagini hanno consentito di accertare che, da giugno 2016 a novembre 2018, l’indagato avrebbe fatto sottoposto la ragazzina a una serie di abusi sessuali.

Ad avvalorare il compendio probatorio i racconti della madre della minore e di altre persone informate sui fatti, il tutto riscontrato dall’esito dell’incidente probatorio del febbraio scorso. In seguito alle violenze subite nella giovane vittima si è sviluppata una sindrome da stress post traumatico che l’aveva portata ad avere incubi notturni e crisi respiratorie, arrivando ad autoinfliggersi lesioni corporali procurandosi una serie di ferite, disturbo accertato in sede di indagini preliminari da un consulente tecnico nominato dal pm.

Continua a leggere

Le Notizie più lette