Morta a 17 anni dopo un intervento alla valvola mitrale: la verità dall’autopsia

Sarà eseguita oggi l’autopsia sulla salma di Lucia Ferrara, la 17enne morta all’ospedale Ruggi D’Aragona di Salerno, due giorni dopo essere stata sottoposta ad un intervento al cuore. L’esame autoptico si svolgerà nello stesso nosocomio dove la giovane è spirata.
A sporgere denuncia alla polizia dopo il decesso il padre della ragazzina, originaria di Cava de’ Tirreni, che vuole conoscere la verità su quanto accaduto alla figlia. E’ partita così l’inchiesta. Sono quattro i medici indagati. Tre cardiochirurghi e un rianimatore. Tutti accusati di omicidio colposo. Il pm titolare dell’inchiesta ha sequestrato la cartella clinica.
All’autopsia sarà presente anche il consulente di parte, incaricato dal legale della famiglia della ragazza. Il padre di Lucia ha raccontato che i medici non sarebbero stati chiari sulle condizioni della ragazza. La situazione sarebbe degenerata all’improvviso. La 17enne è stata così sottoposta ad un intervento alla valvola mitrale, dopo due giorni però è morta.

Renato Pagano
Contenuti Sponsorizzati