Roma. La famiglia di Andrea Camilleri ha salutato per l’ultima volta lo scrittore siciliano con una cerimonia privata nella cappella del cimitero Acattolico di Roma. Presenti la moglie, le tre figlie, le nipoti e i familiari più stretti. Lo scrittore siciliano è stato sepolto nella zona 3, riquadro 1, del cimitero sotto l’angelo della resurrezione all’ombra di un pino secolare. Sulla sua lapide sono state posate decine di lettere, fiori e biglietti. “Sara una sepoltura definitiva – ha spiegato Amanda Thursfield, direttrice del cimitero Acattolico – il maestro era molto legato a questo luogo, veniva in visita spesso”.
Un tappeto di fiori, ma soprattutto tanti messaggi scritti per esprimere quel dolore e quella vicinanza che si mostrano quando a mancare è una persona di famiglia: sulla tomba di Andrea Camilleri c’è il segno del grande affetto popolare che circondava la figura del grande scrittore. Centinaia le persone silenziose e alcune con un fiore in mano, fatte entrare a scaglioni, che già prima delle 15 sono giunte a dare l’ultimo saluto allo scrittore morto ieri all’Ospedale Santo Spirito. Nel lungo fiume di gente presente al cimitero anche personaggi delle istituzioni, tra cui il ministro Alberto Bonisoli, la parlamentare Laura Boldrini, il vicesindaco Luca Bergamo e gli attori Simona Marchini e Michele Riondino.
Il cimitero Acattolico è gremito di gente: famiglie, giovani e anziani, nonostante il caldo. Tante le corone di fiori e i messaggi commossi depositati sulla tomba.
“Grazie per averlo lasciato a Roma ha segnato la vita di tutti noi”. Lo ha detto la sindaca di Roma Virginia Raggi ad Andreina figlia di Andrea Camilleri. “Questo diventerà un luogo di pellegrinaggio”, ha aggiunto. La prima cittadina si è poi fermata qualche minuto davanti alla tomba dello scrittore per rendergli omaggio.
“Qui avrà tanti compagni con cui parlare”: ha detto Andreina Camilleri stringendo la mano alla sindaca di Roma.

Redazione
Contenuti Sponsorizzati