L’antica arte della commedia dalle origini ai giorni nostri attraverso dimostrazioni teoriche e pratiche: il allarga i suoi orizzonti e punta a far vivere la magia della commedia dell’arte in una chiave insolita, facendo toccare con mano tutto ciò che si cela dietro la realizzazione di una maschera.
L’appuntamento è a partire dalle ore 19 di oggi, venerdì 12 luglio, nel Complesso Badiale di con l’ultimo appuntamento della rassegna promossa dall’amministrazione comunale guidata dal sindaco con il consigliere delegato Giovanni Cavaccini e la direzione artistica di Pasquale Manfredi.
Due i momenti in programma: il primo con il laboratorio monotematico curato da Carlo Dalla Costa, giovane e talentuoso artista originario di Assisi a cui seguirà lo spettacolo della compagnia “I Trobadores ensemble di musica antica”. In scena una rivisitazione musicale teatralizzata di canti dal Medioevo all’Umanesimo con alcuni riferimenti al linguaggio artistico contemporaneo.
“Una chiusura alternativa ma soprattutto innovativa nel solco del percorso tracciato finora con l’occhio sempre proiettato al futuro pur nel rispetto dei canoni tradizionali su cui abbiamo costruito l’intero degli eventi – spiega il sindaco Andrea Manzi – Un’occasione importante per accendere i riflettori sull’importanza della commedia dell’arte partendo dalle origini, dagli esordi teorici e pratici di un’arte che non conosce vincoli di tempo nè di spazio. È stata – continua Manzi – un’esperienza esaltante e formativa con la partecipazione di grandi professionisti del settore che, pur vantando una formazione amatoriale, hanno dimostrato sul campo capacità, passione ed entusiasmo. È questa la strada giusta – conclude Manzi – per l’affermazione del nostro territorio a città di chiara impronta artistica”.

ADS
LEGGI ANCHE  Nola, colpisce la moglie con un bastone: arrestato



Regina Ada Scarico, ha lavorato per oltre 15 anni nel mondo del teatro e dello spettacolo in generale e ha avuto esperienze molto lunghe in qualità di amministratrice e coordinatrice di compagnia in spettacoli complessi, con numerosi attori e personale. Ha curato, sempre nell’ambito delle compagnie teatrali e anche nell’ambito più generale dell’organizzazione di eventi, sia i rapporti con Enti e soggetti terzi sia quelli con la stampa e il mondo dei mass media, avendo gestito più volte in piena autonomia l’ufficio stampa in occasione di spettacoli, rassegne, mostre ed eventi

    Napoli, personale del 118 aggredito dai familiari di un paziente alle Rampe Brancaccio

    Notizia precedente

    Napoli, gli alberi cadono e i dipendenti dell’ufficio manutenzione vanno al centro scommesse: 16 indagati per assenteismo

    Notizia Successiva

    Ti potrebbe interessare..