E’ stata un’aggressione rapidissima quella subita dal vice brigadiere dei carabinieri Mario Cerciello Rega, ucciso con otto coltellate due notti fa a Roma, tanto che il collega che era con lui non ha avuto il tempo di sparare e le pattuglie dislocate in zona a intervenire. E’ quanto ricostruito dai carabinieri del nucleo investivo di Roma che indagano sulla vicenda e hanno fermato i due presunti responsabili. L’operazione era scattata dopo la denuncia del furto di uno zainetto a Trastevere con la richiesta di 100 euro e un grammo di cocaina per restituirlo. La pattuglia in borghese con il vice brigadiere si e’ presentata all’appuntamento mentre altre sarebbero state dislocate in zona, a distanza, pronte a intervenire.

Il collega di Mario: ‘Non ha avuto il tempo di estrarre la pistola, un’aggressione rapidissima’
di Redazione Cronache per Cronache della Campania

ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Protezione civile: allerta ‘gialla’ per una possibile eruzione dell’Etna

Notizia precedente

Castellammare, 30enne accoltellato: è caccia all’uomo

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..