Seguici sui Social

Napoli e Provincia

Mugnano, sarà approvato questa sera uno dei Bilanci più importanti dell’amministrazione Sarnataro


PUBBLICITA

Pubblicato

il


PUBBLICITA

MUGNANO – Sarà approvato questa sera in Consiglio comunale uno dei Bilanci più importanti dell’Amministrazione targata Sarnataro. Tante le novità presenti nel documento contabile di previsione 2019, che sarà votato insieme al Documento Unico Programmatico e al Piano triennale delle opere pubbliche. Nell’atto sono finanziate importanti opere pubbliche, come il rifacimento dell’intera rete fognaria lungo via Diaz e via Torino/Verdi, il totale recupero del palazzetto di via Napoli come biblioteca/mediateca e centro giovani. “Siamo fortunati come amministrazione a gestire un bilancio sano – spiega l’assessore al ramo Dario Palumbo – che prevede anche un cospicuo avanzo, frutto di un’attenta e spasmodica attenzione verso la spesa corrente. Quest’anno riusciamo a finanziare molteplici opere, eventi, e servizi a favore della cittadinanza”. Nel documento economico è nuovamente finanziato il trasporto pubblico locale, per l’attivazione della navetta comunale, e la mensa scolastica per due sezioni elementari. “Ringrazio gli uffici che, come sempre, hanno dato il massimo nella stesura del provvedimento – dichiara il sindaco Luigi Sarnataro – Questa sera andiamo ad approvare un bilancio ricco, come nessun Comune del comprensorio può fare. Andremo così a sovvenzionare interventi, come le fogne di via Diaz oggi dissestate, attesi da oltre trent’anni dai cittadini e di vitale importanza per la sicurezza dei residenti. Senza considerare la riqualificazione del palazzetto di via Napoli, dove sorgerà una biblioteca/mediateca comunale, così da essere un punto di aggregazione e cultura per i nostri giovani. Questo bilancio rappresenta appieno la nostra idea di città e quella rivoluzione culturale che stiamo portando avanti da 4 anni, avviandoci al completamento del programma di governo

LEGGI ANCHE  Rintracciato a Casoria il commerciante che tagliava la data scaduta dalla cioccolata


Continua a leggere
Pubblicità

Castellammare di Stabia

A Castellammare si celebrano i cento anni dalla fondazione del Partito Comunista

Nella città stabiese il comitato promotore per la celebrazione della fondazione del Partito Comunista d’Italia lavora, in queste ore, per un evento celebrativo della nascita del Partito Comunista Italiano

Pubblicato

il

foto dal web

A Castellammare si celebrano i cento anni dalla fondazione del Partito Comunista

Nella città stabiese il comitato promotore per la celebrazione della fondazione del Partito Comunista d’Italia lavora, in queste ore, per un evento celebrativo della nascita del Partito Comunista Italiano. Una storia di lotte a difesa dei più deboli che a Castellammare si è intrecciata con la storia di una comunità di intenti che ha reso il partito stabiese punto di riferimento per tante donne e tanti uomini. Nell’anniversario della fondazione, il gruppo promotore, ha chiesto di poter deporre una corona di fiori all’ingresso Palazzo Farnese e poter ricordare le compagne e i compagni venuti a mancare negli ultimi mesi. Un momento di riflessione per ricordare quei compagni e quel pezzo di storia della nostra Città e del nostro Paese. La manifestazione avrà luogo il giorno 21 gennaio alle ore 17:30 nel pieno rispetto delle norme anti covid . Intanto su Facebook è già stato costituito l’evento dove è possibile dare sin da ora la propria adesione. “Anche se in emergenza pandemica a Castellammare non potevamo disertare dal celebrare la nascita de PC d’Italia – commenta Davide Bozza – tra gli organizzatori dell’evento .

LEGGI ANCHE  Emergenza cinghiali in Campania, i reiterati episodi di bracconaggio preoccupano i residenti

Un anniversario che cade nel momento in cui nella nostra città il si chiude una fabbrica dall’ oggi al domani e con un licenziamento mascherato si pretende di trasferire 81 famiglie al nord. Le ultime notizie che apprendiamo dai giornali sulla vertenza meridbulloni non sono delle migliori. L’azienda spacca il fronte operaio con le sue “incentivazioni’ all’esodo, la politica rilancia paventando il miraggio di improbabili nuovi investimenti. Una lotta difensiva quella degli operai meridbulloni che si muove negli spazi legali totalmente sbilanciati a favore degli im-prenditori.
La sinistra non deve ripetere la “dannazione” del dividersi rilanciando i propri valori di riscatto e giustizia. Il nostro lavoro – prosegue Bozza- non si fermerà al
21. Auspichiamo che la celebrazione del centenario prosegua in città magari organizzando un convegno sulla storia stabiese del PCI, dai consigli di fabbrica, alla cultura, all’arte”.

Continua a leggere

Le Notizie più lette