mamma-papà-noemi

Napoli. Non andrà via la famiglia di Noemi, la bambina di quattro anni rimasta gravemente ferita durante un agguato avvenuto in piazza Nazionale venerdì 3 maggio. A dirlo è il padre in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera. Fabio Staiano dice che vuole rimanere a Napoli e non andare via, la città devono lasciarla i camorristi afferma. “Io non lo so quanto tempo ci vorrà – dice – per riuscire a fare di nuovo una passeggiata in strada senza aver paura e senza pensare a quel giorno terribile. Però noi Napoli non la lasciamo. Sono i camorristi che devono andarsene da questa città bellissima, non le persone per bene. Con noi lo Stato ci ha messo la faccia, ha dimostrato il suo lato umano – aggiunge -. Ringraziamo tutti e speriamo di poter portare presto nostra figlia dal presidente Mattarella e dal Papa, per pregare e ringraziare Dio. Napoli – è una città con un cuore infinito, che oggi ha dato una risposta bellissima. E dobbiamo difenderla tutti insieme: noi napoletani per bene ma anche le istituzioni. Bisogna impedire che diventi ostaggio di chi vuole trasformarla in un territorio di guerra, di chi va a sparare all’impazzata, senza preoccuparsi di fare anche una strage, come poteva succedere quel giorno in cui è stata colpita la nostra bambina”. Le condizioni della piccola Noemi sono in miglioramento ma la prognosi resta riservata. Continua la gara di solidarietà per la bambina, un’intera città si è stretta intorno alla famiglia. Fuori all’ospedale Santobono continua il via vai di persone che lasciano un dono per la bambina, un bigliettino o un giocattolo. Un’intera comunità prega e spera che Noemi possa ritornare, nel breve tempo possibile, a vivere la sua vita così come era prima di quel tragico venerdì sera.

Contenuti Sponsorizzati