Emilio Di Puorto, il 29enne di arrestato dalla polizia di in in seguito alla violenta rissa in cui è rimasto gravemente ferito un ragazzo colpito con un calcio al volto, si difende e prova a giocarsi la carta della legittima difesa.
E’ questo il quadro che emerge dalle parole del suo avvocato, Cipriano Di Puorto, zio del fermato. “Domani a c’è una conferenza stampa con il console italiano dove chiariremo la posizione di mio nipote che assisto come avvocato insieme al fratello Stani. Emilio non è un mostro come è stato scritto dai social. Invocheremo la legittima difesa e l’alterazione psicofisica per effetto dell’alcol”, ha detto il penalista.
“Sono fiducioso nella magistratura locale – continua il legale – perché ha già ricostruito bene quello che è successo in discoteca la scorsa settimana. Questa mattina ho parlato con il giudice che giustamente sta aspettando che si riprenda il ragazzo ferito che, posso già anticipare, ieri è uscito dal coma e sta in netta ripresa. Ma quello che puntualizzeremo domani nel corso della conferenza stampa sono due concetti. Il primo è che il ragazzo ferito, tre giorni prima, era stato scarcerato perché protagonista di un’altra rissa. Ma soprattutto chiariremo che il primo tempo della rissa è stato nel locale, quando un gruppo di spagnoli tra cui il giovane che poi rimarrà ferito, è stato cacciato dalla discoteca perché alcuni di loro avevano litigato con gli italiani. Lo hanno testimoniato pure i buttafuori. Poi quando la notte gli italiani, compreso mio nipote, sono usciti dal locale, il gruppo di spagnoli li ha attesi al varco. Emilio ha preso a calci la vittima perché il ragazzo aveva prima colpito gravemente sia lui che l’amico Dario B.. Quindi appena si è ripreso dal pugno si è difeso e gli ha sferrato il calcio. Chi ha fatto il video con il telefonino purtroppo ha ripreso solo il gesto finale di Emilio e non quello precedente”.
“Secondo punto – aggiunge il penalista – la famiglia di Emilio è comunque pronta a prendersi le responsabilità del gesto di mio nipote. Quindi si sta mettendo in contatto con i genitori per chiedere scusa e risarcire il danno. Mio nipote non è un violento, studia con l’Erasums, è un assistente di diritto amministrativo con un noto professore dell’università di Cadice, il prof Ignacio Gutièrrez. Non è la persona aggressiva che è stata descritta”.
Sono stati riascoltati dalla magistratura spagnola anche gli altri tre giovani italiani fermati dalla polizia nazionale di San Fernardo e subito rilasciati Dario B. (24 anni), Luca Maicon Vinicius B. (22 anni) e Nicola I. (21 anni compiuti solo pochi giorni fa). “Speriamo che nel corso del il giudice possa derubricare il reato da lesioni gravi e lesioni semplici così che Emilio possa essere rimesso in libertà”, conclude l’avvocato Di Puorto.

LEGGI ANCHE  Napoli, incendio ai Quartieri Spagnoli, gli abitanti evitano una strage

Gustavo Gentile

ADS



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

La ragazzina vittime del prete falso esorcista: sarà in aula faccia col suo orco

Notizia precedente

Noemi, un altro ‘miracolo’: da ieri ha lasciato la rianimazione

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..