notre dame in fiamme


Le autorità di Parigi hanno deciso di evacuare i circa mille residenti dell’Ile de la Cité, l’isola sulla Senna dove sorge Notre-Dame devastata da un incendio, e ha messo a disposizione uno spazio in un altro quartiere per coloro che non hanno altre soluzioni per passare la notte. Lo riferiscono i media francesi. Il tesoro di Notre-Dame al momento non è stato toccato dall’incendio che sta devastando la cattedrale di Parigi. “Gli oggetti sacri sono conservati nella sagrestia”, ha reso noto il portavoce di Notre-Dame, Andrè Finot, come riporta Le Figaro. “Dobbiamo vedere – ha aggiunto – se la volta, che protegge la cattedrale, verrà toccata” dal rogo. Intanto le fiamme sono arrivate anche all’antica torre della cattedrale la cui costruzione fu completata nel 1200.
“La situazione è molto critica, è un incendio devastante, con una cattedrale così ampia e una struttura in legno. Non è possibile intervenire dall’alto perché il getto dell’acqua farebbe più danno che altro, bisogna avvicinarsi dai lato con getti orizzontali, come stanno facendo i colleghi francesi”. A spiegarlo è Guido Parisi, direttore centrale emergenze dei Vigili del Fuoco, commentando il terribile incendio che sta devastando la cattedrale di Notre Dame a Parigi. “La copertura è già crollata e quando il legno cade a terra bruciano anche gli altri elementi. Credo che su stia procedendo con una messa in sicurezza dei beni. E’ una situazione molto critica – ribadisce – anche per la posizione molto angusta della Cattedrale e per i materiali di costruzione, quelli utilizzati all’epoca, oltre al legno l’acciaio, che è poco resistente al calore. Bisognava fare molta più prevenzione”. “Quanto accade a Notre Dame ci fa pensare a cosa è successo nel ’97 a Torino – ricorda Parisi – quando salvammo la Sacra Sindone dall’interno della Cappella”. 


Google News

Il disastro su twitter, Macron: “Triste vedere bruciare una parte di noi”. La Fenice: “Dal fuoco siamo risorti più forti di prima”

Notizia precedente

Il Procuratore De Raho: ‘Ndrangheta, camorra, Cosa nostra, spesso gestiscono il traffico di sostanze stupefacenti insieme, pro quota’

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..