Pompei. L’occasione era troppo ghiotta e il Soprintendente Oanna non se l’è lasciata sfuggire, da grande e ormai navigato comunicatore.Anzi Osanna ha cavalcato la occasione rappresentata dalla visita del Ministro Bonisoli. E così ha annunciato ufficialmente urbi et orbi che la datazione del 24 Agosto, assegnata alla eruzione vesuviana del 79 d.C. fin dalla lettera di Plinio il Giovane, va spostata al 17 Ottobre, grazie al ritrovamento di una iscrizione a carboncino fatta da un antico “buontempone”(?) intento a lavori di restauro. Siamo dunque al Revisionismo nel campo della Archeologia pompeiana?
In verità, il fatto in sé – cioè lo spostamento della data della eruzione in avanti di un paio di mesi – in realtà non “sposta” nulla di che. La nuova data al massimo sarà benvenuta se porterà alla comprensione della verità dei fatti storici, che è – o dovrebbe essere – il fine ultimo della ricerca archeologica. La data ottobrina potrebbe riaccendere però la discussione tra “favorevoli e contrari” alla data agostana. Ma questa querelle, improduttiva per la verità, risale almeno all’Ottocento, se non a epoca ancora precedente. Non ha quindi il pregio della novità per gli addetti ai lavori. L’unica cosa che è mancata nell’annuncio di OSANNA è stata una riflessione – questa sì benvenuta – sulla labilità degli “annunci” nella ricerca archeologica. A Pompei, gli annunci dati in pasto ai Social, ai Giornali e alle TV sono all’ordine del giorno. Eppure si stanno conducendo soprattutto lavori di Restauro e di Messa in sicurezza dei vecchi “fronti di scavo” in pericolo di crollo, come clamorosamente dimostrò il crollo della Domus dei Gladiatori nel non lontano 2010.
Da allora di acqua ne è passata tanta sotto i ponti. Ma son passati anche centinaia di milioni di euro che la Comunità Nazionale e quella Europea hanno dirottato su Pompei.
Il Direttore del Grande Progetto Pompei, Generale Cipolletta, ha annunciato che i primi centocinque milioni sono stati già quasi tutti appaltati nella “Core Zone”.
Cioè negli Scavi di Pompei. E che si prevedono altri due miliardi di Euro per la riqualificazione urbana della intera area della “Buffer Zone”.
Ma non ha detto altro, salvo che il cantiere della Sicurezza dei fronti di Scavo costa circa due milioni di euro. Non poco in verità. Il Ministro Bonisoli ha confermato senza troppi dettagli e solo nelle linee generali l’impegno del Governo per Pompei e per la Buffer Zone, mettendo però l’accento – unico tra gli intervenuti – sulla necessità di una programmazione seria della attività manutentiva per il futuro. Di tanto gli va dato atto con plauso.
Noi aggiungiamo che – partendo dalla occasione della nuova (possibile) datazione delle eruzione pliniana – sarebbe una operazione di verità a questo punto spingere il Revisionismo, ai fini di una maggiore consapevolezza dei milioni di visitatori che vengono a Pompei. Social, Giornali e Tv potrebbero poi agire da cassa di risonanza per la gente comune su una serie di questioni che l’Archeologia togata ha incomprensibilmente accantonato. Esse sono numerose. Sono state considerate eretiche e accantonate, ma noi siamo tra quelli che lo hanno già scritto in varie occasioni. Inutilmente.
Non è vero ad esempio che Pompei sia stata sepolta completamente dall’ Eruzione vesuviana del 79 d.C., perché gli edifici più alti e poderosi rimasero in parte fuori dalla coltre eruttiva. E non è vero che la memoria di Pompei si sia spenta dopo la eruzione, tant’è che consapevolmente di Pompei parlarono – ininterrottamente nei secoli successivi – eruditi, storici, poeti e geografi.
Invece è vero che Pompei è stata saccheggiata – ininterrottamente negli anni e nei secoli successivi alla eruzione vesuviana – da ladri, trafugatori di oggetti preziosi e antiquari, anche attraverso scavi e cunicoli.
Come è vero che parte della statuaria e del lastrame marmoreo pompeiano è finito sovente nelle fornaci delle “calcare” della zona a diventare calce buona per le costruzioni.
E ancora è vero che la memoria di Pompei, comunque corrosa dal passare dei secoli, si smarrì definitivamente nel 1631. Fu allora infatti che si verifico la terribile eruzione che distrusse Torre del greco e coprì con una ulteriore coltre vulcanica di un paio di metri le consunte rovine pompeiane che ancora fuoriuscivano dai terreni della collina della Civita, la quale “conteneva” la antica Pompei romana.
Non è vero invece che lo Scavo archeologico iniziato nel 1748 – per volere di Carlo di Borbone – puntasse consapevolmente alla scoperta di Pompei, che invece fu per quasi un trentennio ancora confusa con Stabia o con una Villa di Pompeo Magno. E infine non è vero che Domenico Fontana alla fine del 1500 abbia “scoperto” Pompei, perforando la collina della Civita, ma piuttosto è vero che egli abbia scoperto un canale, risalente forse agli Osci, che in buona parte fu da lui reutilizzato per andare verso il mare di Torre Annunziata, sbucando dall’altra parte della collina della Civita. Quest’ultima questione, se confermata dall’Archeologia ufficiale, sposterebbe la data della realizzazione del Canale Conte di Sarno di oltre un paio di millenni, all’indietro nel Tempo. Non di un paio di mesi come è nel caso della data della eruzione pliniana del Vesuvio. Non ci sembra poca cosa. La lapide presente negli Scavi di Pompei  va revisionata?

LEGGI ANCHE  Si concluderanno entro la settimana le indagini archeologiche in corso nell’area del Foro di Pompei e al Capitolium (Tempio di Giove).

 Federico L.I. Federico



Vaccini: in Campania 73.000 adesioni over 60 in 2 giorni

Sono 73.000 i cittadini campani tra i 60 e i 69 anni che hanno effettuato l'adesione sulla piattaforma della Regione per la vaccinazione contro il covid19.

Il risultato e' la somma delle prime due giornate dell'apertura della piattaforma, partita ieri con circa 52.000 adesioni fino alle 20. In totale i cittadini tra i 60 e i 69 anni in
Campania sono poco sopra i 600.000. Le vaccinazioni per questa fascia, che non sono ancora partite, saranno effettuate prevalentemente con Astrazeneca.
somministrate 26.060 dosi nelle ultime 24 ore
Sono 26.060 le dosi di vaccino somministrate nella giornata...


Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori

Altre Notizie

Il covid stronca l’ex campione di rugby, Massimo Cuttitta

Aveva 54 anni, è stato il capitano della nazionale italiana. Ha giocato anche con gli Harlequins di Londra
Leggi tutto

Nuovo rogo tossico a Giugliano, il sindaco chiede aiuto al Governo

Le fiamme si sono sviluppate dal campo rom nella zona Asi. Il sindaco Pirozzi: 'Da soli non possiamo più fronteggiare...
Leggi tutto

Caserta, 15enne pestato nel video: identificato l’aggressore

Denunciato un 15enne che pratica boxe. Ascoltati anche gli amici: potrebbe essere stata una spedizione punitiva. L’aggressione avvenuta nei mesi...
Leggi tutto

Napoli, ennesima rapina ai danni di un rider

Il grido di allarme di un rider rapinato nella serata di sabato nella zona collinare della città
Leggi tutto

Caserta, si ribellano ai controlli e aggrediscono gli agenti: 3 arresti

Scene da guerriglia urbana nel rione Tescione: botte, sputi e offese contro gli agenti. Qualcuno ha anche tentato di rubare...
Leggi tutto

Napoli, festa di compleanno ai Quartieri Spagnoli: multati in 21

Irruzione della polizia in un locale di via Nardones gestito da un uomo originario del Perù. Tutti multati e locale...
Leggi tutto

Portici, non si ferma all’alt, inseguito, si schianta a San Giorgio: arrestato

In manette è finito un pregiudicato di 59 anni di Portici. Si è schiantato con una volante della polizia
Leggi tutto

Covid, 15.746 nuovi casi in Italia: rapporto tamponi-positivi al 6,2%

Sono 331 i decessi, in calo rispetto ai 344 di ieri. Si conferma inoltre il calo della pressione sulle strutture...
Leggi tutto

Covid, la percentuale dei positivi è del 10,75% in Campania

Leggero aumento dei casi nelle ultime 24 ore con 1854 nuovi positivi e 27 decessi
Leggi tutto

Pagelle Sampdoria-Napoli: Ospina salva gli azzurri

Gli azzurri conquistano i 3 punti grazie ad una super prestazione dell’estremo difensore ed un Fabian Ruiz ispiratissimo.
Leggi tutto

Barrese e San Giorgio si dividono la posta in palio, 1-1 al Caduti di Brema

Ripartito anche in Campania il calcio minore con un grande derby napoletano
Leggi tutto

Il Napoli espugna Marassi e resta in corsa Champions

La squadra di Gattuso vince per 2-0 contro la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz (35’) e Osimhen (87’).
Leggi tutto

Napoli, era ai domiciliari ma continuava a spacciare: arrestato

In manette è finito il 35enne Gianluca Micillo, trovato con oltre mezzo chilo di hashish. nello stesso stabile sequestrati 425,400...
Leggi tutto

Riflettori della Prefettura di Napoli su Castellammare e Torre del Greco

Attenzioni sulle possibili infiltrazioni della criminalità organizzata nei comuni. Vertice in prefettura
Leggi tutto

Napoli, droga nascosta nella cassetta delle lettere: arrestato

In manette è finito il 28enne Angelo Pinto: nella buca delle lettere recuperati 24 grammi di cocaina
Leggi tutto

Napoli, controlli sul Lungomare Caracciolo: 37 persone sanzionate

Operazione interforze: sanzionati anche due chioschi in via Caracciolo per aver effettuato vendita da asporto oltre le ore 18.00.
Leggi tutto

Boscoreale, droga e munizioni sequestrati al Piano Napoli

Determinante, per il rinvenimento dello stupefacente, l’operato di “Gero”, il pastore tedesco addestrato per la ricerca della droga
Leggi tutto

Salerno, sanzionati due ristoranti e a Nocera una palestra

Operazione di controllo interforze in tutta la provincia di Salerno con ben 130 persone sanzionate
Leggi tutto

Covid, festa di compleanno al Cardarelli per un ricoverato. IL VIDEO

All'uomo che non vede i familiari da 20 giorni i medici e gli infermieri del reparto covid gli hanno portato...
Leggi tutto

Le formazioni ufficiali di Sampdoria-Napoli: Gattuso punta su Osimhen

Gli azzurri sfideranno i blucerchiati per riprendersi subito dopo lo stop contro la Juventus; partita importante per restare in corsa...
Leggi tutto


Cronache Tv



Ti potrebbe interessare..