Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Campania

Incendio doloso al ‘Sentiero degli Innamorati’ ad Ascea

Pubblicato

in



E’ partito da diversi punti l’ che ha colpito la di . Divampato intorno le quattro di mattina, aveva già lambito un chioschetto quando sono giunti sul posto i vigili del fuoco del distaccamento di Vallo.
Le fiamme sono state appiccate, si presume, con benzina su una delle piattaforme in legno realizzate nei pressi delle grotte, dall’Ente nell’ambito del progetto di riqualificazione di località scogliera. Ad accorgersi dell’incendio è stato il guardiano della società Mediterranea, che ha effettuato i lavori e gestisce l’area. L’operaio ha notato un uomo aggirarsi con fare sospetto che sarebbe stato ripreso dalle telecamere di sorveglianza e ascoltato in mattinata dai carabinieri. A suo carico al momento nessuna accusa. Non è il primo episodio preoccupante che si registra nell’area. Nelle scorse settimane, altri atti di vandalismo sono stati denunciati dalla società.
L’incendio ha provocato fortunatamente solo danni materiali, ma l’episodio ha destato preoccupazione per un’area di particolare pregio ambientale, da poco valorizzata grazie al progetto dell’Ente Parco costato milioni di euro. Il sindaco di Ascea, Pietro D’Angiolillo, ha annunciato ulteriori misure di sicurezza nella zona, con altre telecamere, oltre a quelle del Parco. “Questi sconsiderati – dice il sindaco – non la faranno franca”. Si unisce la rabbia di Gabriele Palladino, amministratore della società Mediterranea: “Si tratta di un increscioso episodio che ci preoccupa, nei giorni scorsi abbiamo subito anche di furti”. Dopo l’inaugurazione del percorso degli Innamorati l’area e stata data in gestione alla società, con la realizzazione di piccole strutture in legno e un’area dove organizzare spettacoli per l’estate.

Continua a leggere
Pubblicità

Campania

Coronavirus in Campania, De Luca: ‘Limiti alla movida? E’ la penultima decisione, poi chiudo tutto’

Pubblicato

in

La scelta di limitare la movida in Campania “e’ stata la penultima decisione prima di chiudere tutto”.

 

Commenta cosi’ l’ordinanza emanata oggi il Presidente della Regione, Vincenzo De Luca, durante la registrazione di Porta a Porta  in onda stasera su Rai 1. In questo momento per il governatore della Campania le alternative per limitare il progressivo diffondersi dell’epidemia sono ridotte all’osso. “Abbiamo – spiega De Luca – due scelte: o andiamo verso il lockdown o decidiamo di convivere con il virus rispettando rigorosamente le regole”.

“Piuttosto allarmato? Sono molto allarmato. Credo che dobbiamo aprire gli occhi e dobbiamo dire con grande chiarezza che siamo già nella seconda epidemia, è già arrivata”. ha spiegato ancora il presidente De Luca a Porta a Porta”. Il Governatore ha ricordato che “la Campania è la regione che ha la più alta densità abitativa d’Italia” e che “in questo momento il 60% dei nostri positivi è concentrato nei territori della Asl Napoli 1, della Asl Napoli 2 e della Asl Caserta, cioè nell’area metropolitana di Napoli che è quella a maggiore congestione abitativa. Abbiamo fatto nel mese scorso un lavoro straordinario di filtro, siamo stati l’unica Regione che ha reso obbligatorio il tampone per chi rientrava dall’estero e dalla Sardegna, e così abbiamo intercettato 3mila positivi. Lascio immaginare se non avessimo fatto quel lavoro quale sarebbe la situazione”.

Un nuovo lockdown “avrebbe ricadute economiche pesanti”.Ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca,d urante la puntata di “Porta a Porta”. Secondo De Luca “rispetto a 6 mesi fa abbiamo una novità grande, l’apertura delle scuole. Noi possiamo fare due scelte: o andare verso un lockdown, cioè chiudere tutto, ma questo avrebbe ricadute economiche pesanti, oppure decidere di convivere con il Covid, ma questo richiede il rispetto rigoroso delle regole”.

 

Continua a leggere



Campania

Torture nel carcere di Santa Maria Capua Vetere: polemiche tra il garante dei detenuti e il sindacati

Pubblicato

in

carcere santa maria capua vetere

Torture nel carcere di Santa Maria Capua Vetere: polemiche tra il garante dei detenuti e il sindacati.

 

Botta e risposta a distanza tra il garante dei detenuti della Campania, Samuele Ciambriello e il sindacato Uspp: ad innescare le polemiche e’ stato un video registrato dal sistema di video sorveglianza del carcere di Santa Maria Capua Vetere che, secondo il garante rappresenterebbe la prova “principe” dei pestaggi avvenuti nell’istituto di pena casertano durante il lockdown, dopo una protesta dei detenuti. Un episodio che risale al 6 aprile e che al momento vede iscritti nei registro degli indagati 57 agenti, accusati di abuso di potere e tortura.

 

Presunte vittime e presunti carnefici, secondo il garante, condividerebbero ancora lo stesso tetto, il reparto Nilo. Soprattutto ci sarebbero ora queste immagini che inchioderebbero gli agenti alle loro responsabilita’. Si tratterebbe di video della videosorveglianza interna del carcere, acquisito dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere alcuni mesi fa e sul quale il lavoro investigativo sarebbe finito. “Ora ci sono le immagini che provano le violenze”, dice il garante dei detenuti per la Campania Samuele Ciambriello, tra i primi a denunciare i presunti abusi nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.

“Forse gli agenti pensavano che le telecamere non funzionassero o, cosa ancora piu’ grave – osserva Ciambriello – credevano di restare impuniti; ma cosi’ non e’ stato. Nel carcere – prosegue – il clima e’ ancora troppo pesante tra detenuti e agenti della penitenziaria a causa dell’indagine sui pestaggi di aprile, che potrebbe allargarsi ad altri agenti. Solo pochi detenuti sono stati trasferiti, la maggior parte e’ rimasta nello stesso reparto, il Nilo, dove avvennero i pestaggi, insieme agli stessi agenti denunciati. Non capisco – prosegue – perche’ il Dap non intervenga con i trasferimenti di tutti i detenuti o dei poliziotti coinvolti nella vicenda”. Antitetiche invece le parole del segretario regionale dell’Uspp Ciro Auricchio.

“A Santa Maria il clima non e’ teso, contrariamente a quanto ha dichiarato il garante. Il 24 settembre e’ entrato in servizio un nuovo comandante e gli agenti continuano a lavorare rispettando la legalita’”. Riguardo alla presenza dei poliziotti penitenziari indagati nei reparti dove sono avvenute le presunte violenze, Auricchio e il presidente nazionale dell’Uspp Giuseppe Moretti smentiscono: “gli agenti prestano servizio esclusivamente nei settori esterni all’area detentiva. Abbiamo piena fiducia nella magistratura, lasciamo lavorare gli inquirenti su una delicata vicenda strumentalizzata dalla politica. Come sindacato ribadiamo che gli agenti non sono torturatori ma hanno garantito e garantiscono la sicurezza nelle carceri”.

L’indagine sulle presunte violenze nacque dalle segnalazioni dello stesso Ciambriello, di associazioni come Antigone e dalle denunce dei familiari dei detenuti. I presunti pestaggi avvennero il 6 aprile scorso – in pieno lockdown – quando centinaia di agenti, non solo del carcere casertano, ma anche di altre carceri e di reparti speciali come il Gruppo operativo mobile), intervennero a Santa Maria Capua Vetere per perquisire i detenuti del Reparto Nilo, dopo una rivolta scattata a seguito della positivita’ al covid-19 di un recluso. Dell’inchiesta se ne seppe lo scorso giugno, quando i carabinieri notificarono alcuni decreti di perquisizione agli agenti indagati all’esterno del carcere, provocando la reazione dei poliziotti che ritennero le modalita’ di “troppo spettacolari”; al vaglio dei magistrati c’era la posizione di altri agenti, afferma ancora Ciambriello che paventa un allargamento dell’inchiesta non confermato e neppure smentito dagli inquirenti: “Le immagini in possesso della Procura – spiega – potrebbero aver portato all’identificazione di altri responsabili delle violenze”.

 

Continua a leggere



Le Notizie più lette