”Sono felice di tornare nel mio paese per mano di uno dei massimi club italiani. Siamo venuti per competere e portare al Napoli tutta la nostra esperienza e le nostre conoscenze. Siamo molto lieti di raccogliere questa sfida e iniziare una nuova avventura calcistica”: affida al suo sito internet il commento sull’accordo che lo lega al Napoli per le prossime tre stagioni. “Desidero ringraziare il presidente per avermi affidato un progetto che mi appassiona – le parole del tecnico emiliano – ma soprattutto per avermi dato la possibilita’ di conoscere dall’interno una delle migliori tifoserie d’Italia. A tutti loro dico che lavoreremo duro e con la massima professionalita’ per raggiungere gli obiettivi che tutti sogniamo. Mi auguro di vivere tanti bei momenti insieme”.
Il tecnico italiano ritorna al calcio giocato per allenare la grande squadra del Sud Italia con l’ambizioso obiettivo di riconquistare lo scudetto a 28 anni di distanza.

ha scelto. Dopo aver valutato numerose offerte da parte di club europei e asiatici, oltre a quella della FIGC, il tecnico ha optato per l’SSC Napoli, una sfida tanto bella quanto appassionante. L’interessante proposta di Aurelio de Laurentiis, presidente e proprietario del club partenopeo, e la possibilità di ritornare al calcio giocato nel suo paese, hanno definitivamente convinto a scegliere l’Italia per tornare in panchina dopo la sua permanenza al Bayern Monaco.

ADS

L’accordo di sarà valido per le prossime tre stagioni, e pone il neo-tecnico partenopeo di fronte alla grande sfida di riportare il Napoli alla vittoria dello scudetto e a un ruolo da protagonista in Champions League. In piena crescita, dopo due stagioni contraddistinte da un serrato testa a testa con la Juventus per lo scudetto, il club napoletano ha deciso di affidarsi ad Ancelotti per fare quel salto di qualità che gli consenta di tornare a vincere il campionato a 28 anni di distanza. Un’impresa tutt’altro che semplice per una società che nei suoi 92 anni di storia vanta nel suo palmares due scudetti, cinque Coppe Italia, due Supercoppe italiane e una Coppa UEFA.

LEGGI ANCHE  'Castrovilli', il nuovo singolo di Mare: in radio e in digitale

@sscnapoli sarà un onore condividere la nostra passione per il calcio. Grazie della fiducia #ForzaNapoliSempre

It will be a great pleasure to share our passion for the beautiful game. Thank you for the confidence. #ForzaNapoliSempre

Da amante delle grandi sfide, affronta la sua nuova avventura italiana alla guida del Napoli con grande entusiasmo e abnegazione: “Sono felice di tornare nel mio paese per mano di uno dei massimi club italiani. Siamo venuti per competere e portare al Napoli tutta la nostra esperienza e le nostre conoscenze. Siamo molto lieti di raccogliere questa sfida e iniziare una nuova avventura calcistica”.
E in serata ha parlato il ‘napoletano’ Lorenzo Insigne: “Faccio un grosso in bocca al lupo ad Ancelotti e spero che ci dara’ una grossa mano per affrontare le gare importanti perche’, come sanno tutti, lui e’ un grande allenatore”. L’attaccante di Frattamaggiore ha voluto così accogliere il nuovo tecnico del Napoli prima del suo arrivo a Coverciano per rispondere alla convocazione del neo c.t azzurro, Roberto Mancini. E a chi gli ha chiesto se si aspettasse l’approdo di Carlo Ancelotti sulla panchina del Napoli, Insigne ha risposto: “No, non me l’aspettavo, ma sappiamo che il nostro presidente ha questi colpi. Sicuramente ha fatto un gran colpo di mercato perche’ mister Ancelotti e’ un grandissimo allenatore”. E infine un pensiero a Sarri. “Gli dobbiamo dire solo grazie perche’ in questi tre anni ci ha dato tanto, ci ha insegnato tanto e se quest’anno siamo arrivati dove siamo e’ anche merito suo”.



Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

Sparatorie tra Cava e Nocera il 27enne fermato confessa: aveva ferito anche Maria Pia

Notizia precedente

Scafati, il sistema Aliberti, le riunioni elettorali e il metodo politico-mafioso: Lupo e Longobardi non tentennano

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..