HomeCampaniaNapoli e ProvinciaTraffico di droga a Marano: il bar Bethlehem è estraneo

Traffico di droga a Marano: il bar Bethlehem è estraneo

google news

“Il nostro bar è estraneo al traffico di droga a Marano visto l’impossibilità di essere a conoscenza di tutte le conversazioni che clienti occasionali intrattengono all’interno dello stesso”, I titolari del  Bethlehem Cafè di Marano respingono con vigore il loro accostamento all’operazione anti droga i due giorni fa che ha portato in carcere  30 affiliati tra capi e pusher del clan Orlando-POlverino-Novoletta.  Il gruppo che faceva arrivare quintale di hashish dal Nord Africa attraverso la Spagna aveva come capi e promotori Massimiliano D’Onofrio e Francesco Sepe, Angelo Di Maro, meglio noto come Pagliariello, Alessandro De Luca e Alfonso Mercurio, per tutti Guallarella. Erano loro il punto di congiunzione tra i fornitori di narcotici, i marocchini, e gli spacciatori al dettaglio, stabili acquirenti presenti prevalentemente sul territorio regionale e nel basso Lazio.
Di questo gruppo erano parte integrante Ivan Piccirillo, Ciro Conte, Giuseppe Granata, Davide Iannone e Antonio De Miccoli. Figura di rilievo, poiché attualmente contiguo agli Orlando e ancora prima ai Polverino, è quella di Alfonso Mercurio, molto noto nel panorama criminale cittadino anche per i suoi legami di parentela con Sabatino Cerullo, alias Ciccio pertuso, uno degli uomini di punta del clan Polverino. Era lui a curare l’importazione dal Marocco, attraverso la Spagna, degli stupefacenti. Non meno importante, secondo gli inquirenti, era il ruolo di Antonio Dell’Aquila, soprannominato ‘o Presidente», coinvolto in numerosi episodi di spaccio e identificato sia come corriere, addetto al trasporto della droga nella provincia di Frosinone, sia come rivenditore al dettaglio. Dell’Aquila aveva coinvolto nel business anche la figlia Rita, 37 anni, finita nel lungo elenco degli indagati.
C’erano poi gli intermediari: Umberto Liccardi, Giuseppe Coppeto, Vincenzo Longobardi, Nicola Langella, pronti ad offrire la loro esperienza nel settore in cambio di lauti compensi e, infine, i custodi di riferimento dell’organizzazione. Rosario Setaro, ma soprattutto Dolores Sacco, l’amante di D’Onofrio, arrestata perché trovata in possesso di 50 chili di hashish nascosti in un’autovettura parcheggiata all’interno di un box auto del parco Primavera di via Gioberti a Marano. La donna, inoltre, aveva il compito di custodire il denaro frutto delle compravendite e tenere la contabilità per conto del gruppo. Le indagini hanno permesso di accertare che il giro di affari del sodalizio criminale si aggirava sui 100 mila euro alla settimana.

 

Redazione Cronache
Redazione Cronachehttps://www.cronachedellacampania.it
Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news
spot_img

Leggi anche

Mamma vegana dà solo frutta e verdura al figlioletto: muore a 18 mesi

Sta facendo discutere la vicenda della mamma vegana accusata di aver fatto morire il figlioletto di 18 mesi perché nutrito con sola frutta e...

Napoli, ruba bici elettrica a uomo mentre va al lavoro: arrestato 18enne

Napoli. Stamattina gli agenti del Commissariato Dante hanno dato esecuzione ad un’ordinanza applicativa della misura cautelare degli arresti domiciliari, emessa giovedì dal G.I.P. del...

Covid in Italia, 84.700 nuovi contagiati, 63 morti, tasso al 26%

Sono 84.700 i nuovi contagi da Covid in italia registrati nelle ultime 24 ore, secondo i dati del ministero della Salute. Ieri erano stati...

Napoli, ancora controlli e denunce nella movida

Ieri, nell'ambito dei servizi predisposti dalla Questura di Napoli nelle aree della “movida”, gli agenti dei Commissariati Decumani, Montecalvario e Vomero, i finanzieri del...

CRONACHE TV

spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita