Eboli, il bimbo di 15 mesi ucciso da pitbull era in braccio allo zio

SULLO STESSO ARGOMENTO

Tragedia a Eboli, in provincia di Salerno, dove un bambino di 15 mesi ha perso la vita dopo essere stato assalito da due pitbull. Il piccolo, Francesco Pio D’Amaro, era in braccio a uno zio quando è stato aggredito dai cani, che si trovavano in un’area attigua alla casa. I molossi, di proprietà di una conoscente della madre, sono poi fuggiti.

L’episodio ha riacceso il dibattito sulla pericolosità di alcune razze canine e sulla necessità di leggi più severe per la loro detenzione.

L’Oipa, l’Organizzazione internazionale protezione degli animali, ha diffuso una nota in cui chiede al legislatore di regolamentare la detenzione di cani che, “troppo spesso vengono scelti anche da persone non in grado di gestirli correttamente”.

    L’organizzazione ricorda che a livello locale alcuni Comuni, come Milano, hanno già adottato regolamenti che prevedono la concessione di patentini per la detenzione di alcune razze o simil-razze.

    L’Oipa precisa che non esiste un elenco di cani “pericolosi” a livello nazionale. Tuttavia, nel 2006 il Ministero della Salute emanò un’ordinanza che includeva una lista di razze considerate pericolose. Tale elenco è stato poi abolito a causa di criticità legate all’incertezza e alla discriminazione delle razze.

    Attualmente, la pericolosità di un cane viene valutata caso per caso. In caso di morsicatura o zuffa, il cane e il suo proprietario vengono segnalati al Servizio veterinario Asl e sono obbligati a seguire un corso formativo. In caso di pericolosità grave, scatta l’obbligo di stipulare una polizza assicurativa e di utilizzare guinzaglio e museruola in luoghi pubblici.

    L’Oipa sottolinea l’importanza di un’educazione responsabile dei proprietari di cani e di una maggiore informazione sui rischi derivanti dalla detenzione di animali potenzialmente pericolosi.

    La tragedia di Eboli è un monito a non sottovalutare il pericolo che certi cani possono rappresentare, soprattutto se non gestiti correttamente. È necessario un impegno concreto da parte delle istituzioni per garantire la sicurezza dei cittadini e tutelare il benessere degli animali.



    LIVE NEWS

    Don Patriciello: “De Luca non mi ha dato la mano, ma l’avrei ignorato”

    Alla domanda se il governatore della Campania lo abbia...
    DALLA HOME

    Tragedia in Valtellina: morti tre giovani finanzieri

    Tragedia in Valtellina: 3 giovani finanzieri del Sagf perdono la vita durante un'esercitazione in montagna. Un'esercitazione di addestramento si è trasformata in tragedia questa mattina in Valtellina, dove tre giovani militari del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza (Sagf) hanno perso la vita precipitando da una parete rocciosa. I tre alpini,...

    ULTIME NOTIZIE

    TI POTREBBE INTERESSARE