Blutarsky torna nei digital store con ‘Tè Caffè’, il suo nuovo singolo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Dopo aver emozionato pubblico e critica con la toccante dedica in ricordo del padre “Malattia“, il rapper capitolino Blutarsky torna nei digital store con “Tè Caffè”, il suo nuovo singolo che segna un’ulteriore svolta nella sua carriera artistica.

In “Tè Caffè”, Blutarsky si distacca dalle convenzioni, aprendo una finestra sulla società contemporanea e sul ruolo dell’individuo al suo interno, miscelando sapientemente tematiche sociali e personali in una narrazione che ondeggia tra introspezione e critica.

Il brano affronta con coraggio le dinamiche di un mondo dominato da apparenze e incoerenze, in cui l’estenuante corsa alla fama sembra soffocare i valori e l’unicità di ciascuno. Il testo, ricco di incastri che si muovono tra la dimensione conscious e la provocazione, esplora il contrasto tra l’individualità e le pressioni omologanti, sottolineando l’importanza di mantenere la propria unicità. L’impattante dichiarazione in apertura sulla vacuità dei successi materiali, in un contesto sociale che premia e incoraggia la conformità, «Non resisto alle tentazioni, non resisto alle delusioni», introduce l’ascoltatore in un viaggio emotivo attraverso le sfide e le frustrazioni che accompagnano la vita di chi decide di percorrere strade meno battute.

    Con un liricismo che per sua natura si articola ed esprime l’essenza dell’autore, ma al contempo abbraccia e libera riflessioni universali, Blutarsky affonda la penna nel calamaio della contemporaneità e nel verso «In un mondo che cresce bastardi, dimmi che semi saremo» fa centro interrogandosi sul futuro dell’umanità e ponendo l’accento sulla responsabilità individuale nel decidere e determinare il tipo di impatto che si vuole avere sul mondo. Con un flow ed un’eloquenza disarmanti, l’artista esorta gli ascoltatori a riflettere sui pregiudizi, sulla brutalità, sulla discordia e sul panico seminati quotidianamente, suggerendo che sì, potrebbe essere tardi per un ritorno ai valori più autentici, ma non per cercare di fare la differenza, senza nascondersi dietro a superflue giustificazioni, scuse o cliché.

    Il passaggio chiave del ritornello «Tutti chiedono il caffè, io prendo il tè» riassume perfettamente la profonda accezione dell’intero pezzo, diventando un manifesto di individualità, autenticità e originalità, in cui Blutarsky si distacca dalle imposizioni, dalle regole non scritte ma incise nelle menti e nelle anime delle masse, per seguire la propria strada, simboleggiando la consapevolezza, l’autodeterminazione e la scelta di un percorso meno convenzionale. Questa decisione, espressa in vivide metafore, rappresenta la libertà di essere se stessi in un’epoca che spesso impone modelli e aspettative uniformi, evidenziando non soltanto la notevole maturità dell’artista, ma anche e soprattutto un’impronta stilistica che mira a distaccarsi da dinamiche di mercato, per giungere dritta al cuore di chi ascolta.

    Il testo si sviluppa ulteriormente attorno al concetto di amore come forza liberatrice e redentrice. Nel bel mezzo del caos e della confusione generata dalla rincorsa di fama, successo e dalle pressioni esterne, emerge la figura della persona amata come un punto fermo, un faro che ci guida verso la verità e il valore delle relazioni autentiche:

    «In “Tè Caffè” – dichiara Blutarsky -, esprimo il mio dissenso verso una società sempre più focalizzata sull’apparenza, sull’incoerenza e sulla disperata ricerca di notorietà. Ho fatto emergere critiche a comportamenti e tendenze che, a mio avviso, stanno erodendo l’umanità e l’autenticità delle relazioni personali. Tuttavia, nel cuore di questa riflessione, s’innalza la figura di una persona speciale, capace di riconoscere e valorizzare l’unicità di ognuno, offrendo una via di fuga dalle costrizioni sociali».

    Il brano si configura quindi come un invito a riscoprire la nostra originalità e a guardare dentro e fuori di noi da una prospettiva diversa, senza farci condizionare dagli schemi. La copertina del singolo, che raffigura una coppia di innamorati felici, con il resto del mondo lontano, sull’altra riva del mare, simboleggia questa distanza, sottolineando l’importanza di trovare libertà e verità nella complicità di un rapporto basato sull’amore e sulla comprensione reciproca. In questo contesto, la scelta tra “tè” e “caffè” trascende la semplice preferenza personale, diventando simbolo di una libertà universale.

    Con un testo che naviga tra critica sociale e introspezione personale, “Tè Caffè” dimostra ancora una volta l’abilità narrativa di Blutarsky e la sua capacità di toccare tematiche profonde con sensibilità e intelligenza, facendo della sua musica uno strumento di riflessione e cambiamento.

    Biografia

    Blutarsky, pseudonimo di Massimo Mondaini, è un rapper romano classe 1995. Si avvicina alla musica a soli 8 anni ed, a 16, inizia a comporre i suoi primi testi, ricercando uno stile di scrittura personale, riconoscibile, una propria identità artistica. A Marzo 2019, esce il suo primo brano inedito, “Gverra Freestyle”, seguito, due mesi più in là, da “Solo Tu”, release, accompagnata dal videoclip ufficiale, che lo inserisce nel meraviglioso e complesso mondo del mercato musicale italiano. Nel Novembre dello stesso anno, è la volta di “Hasta Luego”, singolo che lo vede collaborare con Deri Aamane.

    Nel Marzo 2020, in pieno avvento della pandemia globale, Blutarsky rilascia “Post It”, il suo terzo lavoro ufficiale, che vede alla produzione l’amico fraterno Mr.Brux, in collaborazione con Gaia Landi. “Post It”, supportato dal videoclip ufficiale, dona a Blutarsky la possibilità di essere notato da Reb The Prod, talentuosa producer romana con cui l’artista instaura sin da subito un proficuo rapporto di amicizia e collaborazione professionale, che lo porterà, nel Novembre 2020, alla pubblicazione del suo quarto singolo, “Swing”, ed alla firma del suo primo contratto discografico, stipulato con Red Owl Records, sublabel di Visory Records, con la quale, a Maggio 2021, rilascia “Game7”, primo esplosivo estratto del concept EP “Gravità”.

    Il disco, pubblicato nel 2023 e composto da 6 tracce che seguono il file rouge dei corpi celesti, lo consacra ufficialmente al rap-game italiano, mettendo in luce un’abilità autorale e una versatilità degne di nota. Nel 2024, Blutarsky torna nei digital store con “Malattia”, una release profonda e commovente con la quale affronta, con sensibilità e coraggio, la delicata tematica della perdita di un genitore. Questa release, rappresenta non solo un tributo personale, ma anche un’intensa espressione artistica che tocca uno dei temi più delicati dell’esistenza umana. Attraverso “Malattia”, Blutarsky riesce a trasformare il suo dolore personale in un messaggio universale, dimostrando la sua capacità di comunicare emozioni profonde attraverso la musica.

    Ma “Malattia” non è solo la testimonianza del legame indissolubile tra genitori e figli, ma anche quella di come il rap possa essere utilizzato per esprimere tematiche delicate e personali, dimostrando come sia possibile farlo, e farlo bene, andando ben oltre gli stereotipi, con un linguaggio incisivo e diretto, ma al tempo stesso ricco di poesia e sentimento. Con questo brano, l’artista consolida ulteriormente la sua reputazione come una delle penne più sensibili e innovative della scena rap italiana, capace di esplorare e raccontare tutte le sfumature delle emozioni umane.



    Torna alla Home

    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui

    telegram

    LIVE NEWS

    CALCIO MERCATO, il Napoli su Lukaku e il neo promosso Como prepara il colpo Icardi

    In attesa che si sistemino le tante panchine ancora in attesa del loro nuovo 'padrone' (le ultime danno PIOLI in avvicinamento al Napoli, con contratto biennale più opzione per un'ulteriore stagione), con DE ZERBI ancora in attesa di proposte concrete (oltre a quelle di Porto e Marsiglia) dopo il...

    Il cantautore casertano Valerio Piccolo firma la canzone del film di Paolo Sorrentino

    Il poliedrico artista di Caserta, Valerio Piccolo, noto musicista, cantautore, traduttore e adattatore per libri, teatro e cinema, firma la canzone originale "E si' arrivata pure tu" per il nuovo film di Paolo Sorrentino, "Parthenope", in concorso al 77esimo Festival del cinema di Cannes. "Sono onorato e felice di contribuire...

    CRONACA NAPOLI