Da Napoli a Caserta per rubare in un cantiere edile: denunciati

SULLO STESSO ARGOMENTO

Le immediate indagini avviate dai carabinieri della Stazione di Pietramelara, nel casertano, a seguito della denuncia presentata dal responsabile di un’azienda immobiliare del luogo, hanno consentito, nella mattinata odierna, di identificare gli autori dei furti messi a segno presso un cantiere edile di quel centro nei giorni del 5 e 6 dicembre scorso.

Grazie ai filmati estratti dalle telecamere di sorveglianza e alle informazioni rese dalle persone informate sui fatti, i militari dell’Arma sono risaliti all’identità dei due uomini, un 49enne e un 34enne che, in trasferta dalla provincia di Napoli, si introdussero furtivamente nel cantiere in orario pomeridiano e notturno e, approfittando dell’assenza degli addetti ai lavori, asportarono ponteggi in metallo, attrezzi da lavoro e materiale di vario genere per un valore di oltre 15.000,00 euro.

Proseguono al momento le ricerche della refurtiva che, nella circostanza, venne caricata nel cassone di un furgone con il quale i malviventi si allontanarono frettolosamente.
I due sono stati denunciati in stato di libertà. Dovranno rispondere di furto aggravato in concorso.



    Le immediate indagini avviate dai carabinieri della Stazione di Pietramelara, nel casertano, a seguito della denuncia presentata dal responsabile di un’azienda immobiliare del luogo, hanno consentito, nella mattinata odierna, di identificare gli autori dei furti messi a segno presso un cantiere edile di quel centro nei giorni del 5 e 6 dicembre scorso.

    Grazie ai filmati estratti dalle telecamere di sorveglianza e alle informazioni rese dalle persone informate sui fatti, i militari dell’Arma sono risaliti all’identità dei due uomini, un 49enne e un 34enne che, in trasferta dalla provincia di Napoli, si introdussero furtivamente nel cantiere in orario pomeridiano e notturno e, approfittando dell’assenza degli addetti ai lavori, asportarono ponteggi in metallo, attrezzi da lavoro e materiale di vario genere per un valore di oltre 15.000,00 euro.

    Proseguono al momento le ricerche della refurtiva che, nella circostanza, venne caricata nel cassone di un furgone con il quale i malviventi si allontanarono frettolosamente.
    I due sono stati denunciati in stato di libertà. Dovranno rispondere di furto aggravato in concorso.




    LASCIA UN COMMENTO

    Per favore inserisci il tuo commento!
    Per favore inserisci il tuo nome qui




    LEGGI ANCHE

    Traffico illecito di rifiuti: arrestati funzionario della Regione Campania e 14 imprenditori

    C'è anche un funzionario della Regione Campania tra i 16 arrestati nell'inchiesta congiunta di Dia e Noe sul traffico illecito di rifiuti tra Campania e Tunisia. Le indagini sono partite da Polla, in provincia di Salerno, per poi coinvolgere i vertici della Regione Campania. Oltre ai funzionari coinvolti, diversi imprenditori del settore rifiuti sono stati posti in stato di fermo. Sono stati sequestrati beni di almeno tre aziende attive nello stoccaggio di rifiuti. L'indagine ha preso...

    Qualiano, 15enne in giro con tirapugni, coltello e proiettile

    Un 15enne di Qualiano è stato denunciato per il possesso di armi dopo essere stato fermato dai carabinieri in sella a uno scooter senza assicurazione. Durante un controllo alla circolazione, i militari hanno scoperto un tirapugni, un coltello a scatto di 21 centimetri e 49 cartucce a salve nascoste nel sottosella del veicolo. Il giovane, che era in compagnia di un amico,  è stato trovato particolarmente nervoso al momento dell'arresto. Il materiale è stato sequestrato insieme allo...

    Avellino, cerca di portare figlia all’estero: fermata dai Carabinieri

    Una madre di origini straniere è stata fermata mentre cercava di portare la figlia di 4 anni all'estero, a Montefusco, in provincia di Avellino. Tutto è iniziato quando il marito ha segnalato alle autorità di essersi allontanato per qualche giorno e al suo ritorno aver scoperto il tentativo della moglie di lasciare il Paese con la bambina. I Carabinieri della Compagnia di Mirabella Eclano sono intervenuti prontamente, identificando il veicolo e il conducente coinvolti nel tentativo...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE